Africa e politica: il leggendario calciatore Žorž Vea ha ammesso la sconfitta alle elezioni presidenziali in Liberia

BBC in serbo - B92

L’attuale presidente della Liberia ha invitato lo sfidante e si è congratulato con lui per la sua vittoria.


Fonte: BBC

I sostenitori di Joseph Boakai celebrano la loro vittoria elettorale/BBC

I sostenitori di Joseph Boakai celebrano la loro vittoria elettorale/BBC

Dopo cinque anni, il leggendario calciatore africano Žorž Vea cederà le redini della Liberia all’uomo sconfitto nel 2018.

Vea ha telefonato al suo sfidante, Joseph Boakai, di vent’anni più grande, per congratularsi con lui della vittoria al secondo turno delle elezioni presidenziali, anche se i risultati definitivi non sono ancora stati resi noti.

Rivolgendosi alla nazione, ha detto che “il popolo liberiano ha preso la sua decisione e abbiamo ascoltato la sua voce”.

Il candidato dell’opposizione ha un vantaggio irraggiungibile di 28.000 voti, ma quasi tutte le schede sono state conteggiate.

Vea ne è proprietaria dal 2018.

È stato eletto presidente sull’onda dell’entusiasmo, soprattutto tra i giovani elettori, poiché ha sconfitto in modo convincente il governo Boakai in quelle elezioni.

Gli elettori di Ali ora ritengono che non sia riuscito a contrastare la corruzione, l’aumento dei prezzi e i persistenti problemi economici, che hanno eroso la sua popolarità.

In un discorso di cinque minuti alla nazione, Vea, 57 anni, ha affermato di avere “il massimo rispetto per il processo democratico che ha definito la nostra nazione”, aggiungendo di aver parlato con Boakai, che ha definito “il presidente eletto”.

La commissione elettorale ha affermato che Boakai, un veterano politico di 78 anni, ha ricevuto il 50,89% dei voti, mentre Vea ha ottenuto il 49,11%.

Vea ha affermato che la dura corsa elettorale “rivela profonde divisioni nel paese” e ha invitato i liberiani a “lavorare insieme per trovare un linguaggio comune… l’unità è la cosa più importante per Madre Liberia”.

Il debito della guerra civile, durante la quale morirono circa 250.000 persone, è terminato solo 20 anni fa.

George Véa e Joseph Boakai/AFP/Reuters

George Véa e Joseph Boakai/AFP/Reuters

Quando venerdì sono stati annunciati i risultati, molte persone sono scese a festeggiare nelle strade della capitale Monrovia.

I sostenitori di Boakai si sono radunati fuori dalla sede del suo partito, fiduciosi in una vittoria finale.

Hanno scandito slogan contro Vee e hanno cantato “we beat dancing bug”, in riferimento alla canzone che ha segnato la sua campagna.

La commissione elettorale ha dichiarato di aver annunciato i risultati del 99,58% dei seggi elettorali dopo il secondo turno elettorale svoltosi martedì.

I sostenitori di Boakai festeggiano nelle strade di Montovia/BBC

I sostenitori di Boakai festeggiano nelle strade di Montovia/BBC

Poiché nessuno dei 18 candidati al primo turno ha ricevuto più del 50% dei voti il ​​mese scorso, Vea e Boakai sono passati al secondo turno.

Nel primo turno Vea ha ricevuto 7.000 voti in più di Boakai, mentre nel secondo turno lo sfidante ha preso un vantaggio inattaccabile.

Si è trattato delle elezioni presidenziali più incerte in Liberia dai tempi della guerra civile.

La campagna di Boakai si è concentrata sulla necessità di salvare la nazione da quella che ha definito la “cattiva leadership” dell’amministrazione di George Vea.

Il presidente ha respinto le valutazioni di Boakai, affermando che ha compiuto passi importanti, come l’introduzione dell’istruzione gratuita.

Queste sono state le quarte elezioni presidenziali dalla fine della guerra in Liberia.

Immagini Getty

Immagini Getty

Sette cose su Žorža Vea

  • È nato il 1 ottobre 1966 a Monrovia
  • Arsène Wenger lo ha portato al Monaco francese dal club camerunense Tonerea Jaunde
  • Ha esordito con il Monaco nel 1987, poi ha giocato per il Paris Saint-Germain francese, il Milan italiano e il Chelsea inglese.
  • È l’unico calciatore africano ad essere stato nominato Giocatore dell’anno FIFA.
  • Si candidò per la prima volta alla presidenza della Liberia nel 2005, ma perse contro Ellen Johnson Sirleaf.
  • Si è laureato negli Stati Uniti dopo che i suoi avversari lo hanno accusato di non avere un’istruzione sufficiente.
  • È stato nominato presidente della Liberia nel gennaio 2018.

Seguici su Facebook, Twitter IO A Viber. Se hai un suggerimento su un argomento da suggerirci, contattaci a [email protected]

Origine: BBC Notizie in serbo

©BBC in serbo - B92

Agnese Alfonsi

"Fanatico di Internet. Organizzatore malvagio. Fanatico della TV. Esploratore. Appassionato di social media amante degli hipster. Esperto alimentare certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *