Che l’Italia apra per prima gli armadi della vergogna!

La vera riconciliazione dovrà aspettare

Leader nazista e fascista: Adolf Hitler e Benito Mussolini a Monaco nel 1940

Leader nazista e fascista: Adolf Hitler e Benito Mussolini a Monaco nel 1940
© Marion Doss/Flickr

Il 13 luglio 1920 l’Italia fascista incenerì la Casa Nazionale di Trieste. Per il successivo quarto di secolo, l’Italia fascista uccise e denazionalizzò gli sloveni e i croati costieri. Dopo il primo e il secondo processo di Trieste, l’Italia fascista uccise nove patrioti sloveni e croati, che ancora oggi sono ufficialmente considerati “terroristi”. L’Italia fascista invase il Regno di Jugoslavia e Slovenia il 6 aprile 1941, soggiogò la regione di Lubiana e circondò la sua capitale con filo spinato. L’Italia fascista uccisa a Gramozja jama, Rog, Gonars, Monig, Rab e così via…

L’Italia democratica del dopoguerra, nata dall’antifascismo, dovrebbe riconoscere ufficialmente questi crimini, pentirsene e chiedere perdono agli sloveni, ai croati e alle altre vittime europee e africane dell’imperialismo fascista. Onestamente, niente paghetta, niente contrattazione politica. Ma nel 1975, a differenza della Germania, non lo fece mai. Opposto. Negli ultimi tempi abbiamo assistito anche a tentativi italiani sempre più aggressivi di revisionismo, di rifiuto della responsabilità, di riabilitazione del fascismo, di confusione tra causa ed effetto: durante la celebrazione annuale della Giornata della Memoria dell’Esodo e della fobia, il 10 febbraio, per esempio , noi presidente dello Stato, tormentati, accusiamo tuttavia gli slavi di italocidismo; in televisione e al cinema guardiamo creature propagandistiche come “Cuore nell’abisso” o “Terra rossa”, che collettivamente ci dichiarano di essere infojbatori; D’ora in poi Trieste celebrerà il 12 giugno – come ha vergognosamente deciso di recente il suo consiglio comunale – “il giorno della partenza dell’occupante jugoslavo”, con il quale l’attuale “città nella baia” nega chiaramente i valori della resistenza, sputa addosso le vittime alleate IX. del Corpo Partigiano, che liberò il 1° maggio 1945, e indirettamente dichiarò che avrebbe preferito ancora appartenere al Terzo Reich.

Per uno sloveno di confine come me, discendente di oppressi e nipote di un partigiano che immolò il suo sangue per la libertà della patria di Trieste, la misura è ormai colma da tempo! Apprezzo gli sforzi, altrimenti ben intenzionati, dei presidenti Pahor e Mattarella verso la riconciliazione tanto necessaria. Sfortunatamente, la loro deposizione congiunta di corone sul Bazovo gmajno pieno di disgrazie e sul Bazovo vuoto di cadaveri non porterà la riconciliazione – la riconciliazione onesta, vera e popolare -. Ci sono già state diverse deposizioni di questo tipo e ce ne saranno altre. Ogni volta si tratta di una necessità elettorale, politica o diplomatica. Questa volta la visita presidenziale ai due simboli della sofferenza slovena e italiana sembra non essere altro che una forzata pacificazione della rabbia della destra italiana per il ritorno della Camera Nazionale. Entrambi i presidenti cadranno preda di astuzie politiche abilmente attuate, ma soprattutto Pahor, che con la sua visita dal punto di vista della stampa e dell’opinione pubblica italiana, assimilerà, dal punto di vista dello Stato, l’effetto alla causa, l’assassinio vendicativo dei fascisti. , collaboratori e innocenti italiani, sloveni o croati durante e dopo la Seconda Guerra Mondiale, con i quattrocento anni di terrore fascista dell’Italia che l’hanno preceduta. Allo stesso tempo, una riconciliazione così ampia distoglierebbe l’attenzione dal vero obiettivo centrale della visita dei due presidenti: il ritorno della Patria agli sloveni. Determinato dalla stessa legge italiana e ritardato di 19 anni, questo ritorno non deve naturalmente rappresentare un obiettivo di second’ordine dell’incontro presidenziale e tanto meno oggetto di condizioni o contrattazioni politiche, ma – al contrario – il puro e spontaneo orgoglio di L’Italia dovrà finalmente condannare i crimini fascisti e correggere almeno in parte le ingiustizie che la dittatura di Mussolini ha inflitto a sloveni e croati.

Secondo me bisognerà aspettare una vera riconciliazione. Finché (se non altro…) l’Italia aprirà i suoi “armadi della vergogna”, indagherà imparzialmente il proprio passato, condannerà incondizionatamente il suo passato (e attuale) fascismo, i suoi stessi criminali di guerra, annullerà i verdetti dell’Esame Speciale. Corte e riabilitò ufficialmente gli eroi di Baz e Opa, dissotterrò le foibe, contò e diede nomi ai loro cadaveri, fermò la diffusa propaganda nazionalista contro la “stirpe barbarica”, pubblicò e divulgò il rapporto della Commissione congiunta di storici italo-slovena nel scuole, hanno offerto alle vittime della trinità fascista una mano giusta e pentita. Quando? Temo che secondo il noto detto: per Sveti Nikoleti – né in inverno, né in estate!

ALTRO IN NEW YOUTH (Mladina 28) USCITO VENERDI 10 LUGLIO 2020 >>

GIOVENTÙ 28 2020

GIOVENTÙ 28 2020
© Damjan Ilić / Zoran Smiljanić

Agnese Alfonsi

"Fanatico di Internet. Organizzatore malvagio. Fanatico della TV. Esploratore. Appassionato di social media amante degli hipster. Esperto alimentare certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *