Kučan critica l’Italia: “Non è ancora il momento di farlo? Il tempo è passato da tempo”

L’ex presidente Milan Kučan, durante la cerimonia tenutasi oggi a Opatje Selo, in occasione della festa nazionale del ritorno della Primorska in patria, si è rammaricato che l’Italia non abbia ancora chiesto scusa per i crimini, per i villaggi bruciati, per la grotta di ghiaia di Lubiana e per il campo di Arbe. Allo stesso tempo ha chiesto sforzi per la pace in Ucraina.

Con il Trattato di pace di Parigi, con il quale l’Italia dovette cedere gran parte della Primorska all’ex Jugoslavia, la nazione slovena fu, nelle parole di Kučan, “compensata per una delle gravi ingiustizie che le furono inflitte durante la sua storia spesso crudele. “

Tanja Fajon

“Quando con gli anni scompaiono dalle facciate di quasi tutte le case costiere le iscrizioni che allora annunciavano l’arrivo della Jugoslavia, il ricordo dell’immensa gioia e dell’orgoglio che regnava tra gli sloveni durante l’entrata in vigore del Trattato di pace di Parigi si sta spegnendo. “, ha detto il relatore centrale della celebrazione organizzata dall’Associazione dei valorosi combattenti NOB Nova Gorica con il sostegno dei comuni rivieraschi. Ha avvertito che il tempo non dovrebbe cancellare la verità.

Ha ricordato le tappe fondamentali del cammino attraverso il quale gli abitanti del Primorje hanno conquistato i loro diritti: “Su questo cammino le vittime dei patrioti uccisi a Bazoviška e Opa gmajna sono il TIGR, ci sono le unità partigiane, le brigate d’oltremare del mare, le nove corpi, le decisioni dell’assemblea dei rappresentanti della nazione slovena di Kočev sull’annessione del Primorje sloveno, centinaia di case bruciate e villaggi distrutti, cimiteri, migliaia di ostaggi, bambini, mariti e mogli uccisi.

La festa dell'annessione della Primorska alla patria
Screenshot/Televisione slovena

“Essere dalla parte giusta della storia è essere dalla parte della pace”

Fino ad oggi i paesi italiano e sloveno hanno costruito gradualmente rapporti di vicinato esemplari, ma c’è ancora qualcosa che ci fa dubitare della sincerità dell’enfasi politica sull’amicizia, ha avvertito. Questo è l’atteggiamento della politica italiana durante l’epoca del fascismo. Lui ha ricordato che quelli che sono stati uccisi alla gmajna di Bazovič sono ufficialmente ancora considerati terroristi in Italia e che gli sloveni sono un popolo genocida che presumibilmente ha effettuato la pulizia etnica e ucciso gli italiani semplicemente perché erano italiani.

Alexandre Céferine

Come ha sottolineato anche Kučan, finora non ci sono state né le scuse, né il rammarico per il male commesso, nemmeno un omaggio alle vittime e il rammarico per la cava di ghiaia di Lubiana, per il campo di Rab, per i villaggi bruciati e per i crimini. impegnato. “Non è ancora il momento? Quel tempo è passato da un pezzo”, ha sottolineato, ritenendo che basterebbe che la politica italiana adottasse le conclusioni del rapporto congiunto degli storici sloveni e italiani su questo periodo.

Nella seconda parte del suo discorso ha sottolineato che la guerra in Ucraina continua già da un secondo anno senza alcuno sforzo organizzato di rilievo per porre fine ai combattimenti. “Lasciamo da parte i punti di vista molto diversi sul perché questa guerra di aggressione ha avuto luogo e quali sono i suoi obiettivi, dietro i quali si rivelano sempre più gli interessi geopolitici dei grandi paesi per il loro dominio sul mondo”. “La guerra, con la quale l’aggressore ha gravemente violato il diritto internazionale, costituisce una sconfitta per la comunità internazionale e per la sua capacità di risolvere pacificamente le controversie, con conseguenze di portata inimmaginabile”, ha stimato.

Secondo Kučan la cosa peggiore sarebbe abituarsi alla guerra e accettarne la logica, “perché non esiste una soluzione, quindi lasciamo che continui”. Le centinaia di miliardi investiti in armi da Russia, Stati Uniti, Unione Europea e altri paesi potrebbero fare di più che eliminare le conseguenze dei disastri naturali, alleviare la sofferenza delle persone colpite e accelerare la transizione verso un futuro verde per il pianeta. » ha detto l’ex presidente.

Ha espresso la convinzione che qualsiasi progresso verso la fine della guerra sia migliore della guerra e non possa essere inteso come sostegno all’aggressore. “Essere dalla parte giusta della storia in questo momento significa essere dalla parte della pace”, ha detto. Infine ha parlato della solidarietà degli sloveni di fronte ai disastri climatici, che secondo lui potrebbe essere una buona prospettiva prima dei tempi difficili che attendono lo Stato e la società slovena.

Dal 2005 si celebra la Giornata del ritorno del Litorale in patria in ricordo dell’entrata in vigore del Trattato di pace di Parigi il 15 settembre 1947, quando Zgornje Posočje, la Valle del Vipava, una parte più grande del Carso e una parte più piccola parte dell’Istria divenne parte della Slovenia nell’allora Jugoslavia. La maggior parte della parte slovena dell’Istria venne annessa solo nel 1954 con l’accordo di Londra sulla spartizione del territorio libero di Trieste. Attuale Presidente della Repubblica Natasha Pirc Musar nella sua lettera di venerdì ha avvertito che la memoria degli eventi importanti della storia slovena deve essere preservata e mantenuta. Allo stesso tempo ha condannato i tentativi di revisione della storia slovena e l’uso improprio di questi temi per scopi politici.

Agnese Alfonsi

"Fanatico di Internet. Organizzatore malvagio. Fanatico della TV. Esploratore. Appassionato di social media amante degli hipster. Esperto alimentare certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *