La mamma italiana era furiosa: “Hotel Mama” chiude i battenti

Quando chiudono le porte della “mamma albergo”? La madre italiana ne aveva avuto abbastanza, ha riconosciuto la corte. I due figli devono quindi trasferirsi.

In Italia, una madre di 75 anni, stanca di vedere i suoi figli adulti, di 42 e 40 anni, ancora a casa, ha cercato di convincerli a trovarsi una sistemazione da soli, anche perché hanno un lavoro. Ma i suoi tentativi furono vani. Per questo motivo ha deciso di denunciarli e ora il tribunale ha approvato la sua decisione.

gomma per cancellare

Una pensionata di Pavia, nel nord Italia, ha più volte cercato di convincere i figli adulti, che vivono nella sua casa, ad andarsene perché entrambi hanno un lavoro. Inoltre, non volevano contribuire alle spese e svolgere le faccende domestiche. I figli però non ne volevano sapere.

La madre era stufa che i due figli vivessero ancora nell'”hotel della mamma”, quindi ha intentato una causa per convincere i figli a trasferirsi. Secondo i media italiani, il tribunale di Pavia si è pronunciato a favore della madre e ha dato ai due figli il termine del 18 dicembre per trasferirsi.

Quando salutano casa i giovani italiani?

In Italia, un numero relativamente elevato di bambini vive con i genitori anche dopo i 18 anni. La maggior parte di loro sono uomini, per questo motivo è rimasto loro soprannominato “mammoni” o “figli di mamma” o “bamboccioni”.

A causa delle incerte opportunità lavorative, è aumentato il numero di italiani che restano a casa con i genitori. Secondo un’indagine condotta lo scorso anno dall’ufficio statistico europeo Eurostat, l’età media in cui le persone lasciano la casa familiare in Italia era esattamente 30 anni. Quasi il 66% degli italiani tra i 18 e i 34 anni vive con i genitori. Questa quota è ben al di sopra della media europea del 50%.

Valeriano Detti

"Fanatico della cultura pop malvagia. Fanatico del bacon estremo. Amante del cibo. Pensatore. Secchione di viaggio amante degli hipster. Appassionato di caffè."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *