L’Italia, un paese senza importanza | MLADINA.si

Qualunque sia l’esito delle elezioni di marzo, l’Italia non può contare di avere voce in capitolo nel cambiare l’UE.

Italia UE

Italia > UE
© Pava/WikiCommons

Anche dopo le elezioni del mese prossimo, l’Unione Europea (UE) non considererà l’Italia un paese importante. Sebbene sia uno dei paesi fondatori e la terza economia dell’Eurozona dopo Germania e Francia, è spesso visto come un peso politico e una responsabilità economica. Dopo l’uscita della Gran Bretagna, l’Italia diventerà la terza economia più grande dell’intera UE. Marc Lazar, professore di storia e sociologia politica all’Università Sciences-Po di Parigi, secondo la redazione Politica dice che i francesi si ricordano degli italiani solo quando hanno problemi con i tedeschi o quando in Italia ci sono elezioni che potrebbero creare problemi.

Per i politici tedeschi l’Italia rappresenta più una fonte di problemi che un’opportunità. La preoccupazione principale di Berlino è che l’Italia sia abbastanza grande da far crollare l’eurozona se una delle sue grandi banche fallisse o perdesse l’accesso ai mercati finanziari. Questo è ciò che preoccupava di più i tedeschi al culmine della crisi dell’euro nel 2011. Berlino, Parigi e la Banca Centrale Europea (BCE) costrinsero Silvio Berlusconi a dimettersi dopo che il prezzo dei titoli di stato del cibo italiano aveva raggiunto livelli pericolosi. ministro e ha organizzato la formazione di un governo di tecnocrati sotto la guida dell’ex commissario europeo alla concorrenza, Mario Monti.

Mentre la crisi dell’euro continuava nel 2012, Monti è riuscito per breve tempo ad acquisire influenza all’interno dell’UE. All’epoca convinse la cancelliera tedesca Angela Merkel ad accettare il progetto di creazione di un’unione bancaria europea, allentando le condizioni di accesso agli aiuti del fondo di salvataggio europeo ESM e aiutando direttamente le banche in difficoltà con l’aiuto di questo fondo.

Per i politici tedeschi l’Italia rappresenta più una fonte di problemi che un’opportunità. La preoccupazione principale di Berlino è che l’Italia sia abbastanza grande da far crollare l’eurozona se una delle sue grandi banche fallisse.

Non appena il pericolo di un collasso dell’eurozona è stato scongiurato, Angela Merkel si è fatta da parte e ha lasciato che Monti venisse schiacciato dalla politica interna a Roma come primo ministro non eletto. Il suo successore alla presidenza del Consiglio italiano, Enrico Letta, oggi presidente del think tank Jacques Delors, spiega che durante la crisi finanziaria l’Italia è stata per lungo tempo il “cattivo ragazzo” che avrebbe potuto causare il collasso dell’eurozona, ma allo stesso tempo era troppo grande per essere salvata allo stesso modo della Grecia. Passato il pericolo, ammette Letta, «eravamo messi alle strette e nessuno ascoltava le nostre idee».

Nonostante abbia più o meno la stessa popolazione di Gran Bretagna e Francia, l’Italia non ha il peso che merita all’interno dell’UE a causa di un sistema politico instabile con frequenti cambi di governo e di una pubblica amministrazione debole. Poiché l’instabilità alimenta l’euroscetticismo, è più facile ignorarla. Le sue proposte per riformare il sistema di asilo o rafforzare la zona euro vengono regolarmente respinte a Bruxelles, Berlino e Parigi.

La presenza del presidente della Bce Mario Draghi, del ministro degli Esteri dell’Ue Federico Mogherini e del presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani non aiuta. I rappresentanti italiani raramente partecipano ai circoli informali in cui vengono prese le decisioni all’interno dell’UE e della NATO. Berlino continua ad utilizzare la debolezza delle banche italiane, dovuta all’elevato ammontare di crediti inesigibili e all’eccessiva quota di debito pubblico nei loro bilanci, come argomento per ritardare il completamento dell’unione bancaria europea con l’istituzione del sistema europeo di garanzia dei depositi ( EDIS). ). Anche il presidente francese Emmanuel Macron ha attaccato gli italiani.

Nonostante abbia più o meno la stessa popolazione di Gran Bretagna e Francia, l’Italia non ha il peso che merita all’interno dell’UE a causa di un sistema politico instabile con frequenti cambi di governo e di una pubblica amministrazione debole.

Molti italiani credono che i loro partner europei, dopo aver chiesto misure di austerità durante la crisi dell’euro, li abbiano delusi perché non li aiutano a risolvere il problema dei rifugiati che attraversano il Mar Mediterraneo.

“Il grande cambiamento in Italia è che il paese che una volta era il più europeista è diventato tanto euroscettico quanto la Francia”, ha affermato Marc Lazar. Non ha ricevuto alcuna solidarietà per affrontare la crisi dei rifugiati. Fino ad ora, perché i leader europei avvertono chiaramente una nuova crisi. Al World Economic Forum di Davos, il primo ministro italiano Paolo Gentiloni si sarebbe esibito insieme ad Angela Merkel e Macron, venuti a Roma a gennaio per migliorare le relazioni tra Francia e Italia.

Le élite dell’UE e quelle riunite a Davos stanno monitorando i sondaggi d’opinione che prevedono che il Partito Democratico di Gentiloni arriverà solo al terzo posto nelle elezioni del 4 marzo, dietro la coalizione di destra di Silvio Berlusconi e il populista euroscettico Movimento 5 Stelle. Dopo le elezioni di Roma, l’élite europea vuole una grande coalizione di centrosinistra e destra filoeuropei sotto la guida di Gentiloni, ma sembra che la democrazia e gli elettori arrabbiati non realizzeranno questo desiderio.

Il grande cambiamento in Italia è che il paese un tempo più europeista è diventato altrettanto euroscettico quanto la Francia.

Proprio come hanno sostenuto Gentiloni all’ultimo minuto, i leader dell’UE hanno sostenuto l’ex primo ministro Matteo Renzi in vista del referendum dello scorso anno sulla riforma costituzionale. Tuttavia perde e si dimette. Questa volta la situazione potrebbe essere ancora peggiore, poiché l’Italia potrebbe scivolare nella paralisi politica o ottenere un governo euroscettico, che includerebbe anche populisti di estrema destra contrari agli immigrati. Anche se non è così grave, l’Italia non può contare di avere voce in capitolo nel cambiare l’UE secondo i piani della cancelliera tedesca e del presidente francese.

Agnese Alfonsi

"Fanatico di Internet. Organizzatore malvagio. Fanatico della TV. Esploratore. Appassionato di social media amante degli hipster. Esperto alimentare certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *