Papa Francesco ha annunciato le sue dimissioni durante una visita all’Aquila?


Francesco si è recato nella città abruzzese in occasione della Festa del Perdono, una tradizione secolare che attira migliaia di pellegrini in questa parte d'Italia.  Foto: A.P
Francesco si è recato nella città abruzzese in occasione della Festa del Perdono, una tradizione secolare che attira migliaia di pellegrini in questa parte d’Italia. Foto: A.P

Papa Francesco ha ripetutamente affermato che potrebbe dimettersi dal suo incarico in futuro se la sua salute peggiorerà e la leadership della Chiesa cattolica sarà ostacolata.

Durante la sua visita domenicale alla tomba dell’ex papa Celestino V, ha elogiato la sua umiltà, essendo stato il primo papa a dimettersi dal suo incarico. Per la prima volta in quasi 600 anni, nel 2013, lo ha fatto anche papa Benedetto XVI.

Francesco, 85 anni, è arrivato a L’Aquila in elicottero e all’arrivo è stato accolto dai parenti delle vittime del terremoto del 2009, in cui sono morte più di 300 persone. Ha poi visitato la cattedrale locale su un carro, che è stato gravemente danneggiato dal terremoto e rimane chiuso.

Offrì dunque messa nella piazza del Duomo davanti alla basilica, che custodisce anche le spoglie di Celestino V. È il primo papa che si dimise volontariamente dalla carica nel 1294 dopo soli cinque mesi alla guida della Chiesa e tornò alla vita di un eremita.

Papa: Agli occhi della gente gli umili sono intesi come deboli e sconfitti, ma non lo sono

Come già accennato, Francesco ha descritto la sua decisione come una grande forza che deriva dall’umiltà. “Agli occhi della gente, gli umili sono intesi come deboli e sconfitti, ma in verità sono i vincitori, perché sono gli unici che si affidano interamente al Signore e conoscono la sua volontà.“, ha dichiarato il papa davanti a migliaia di credenti.

Durante la messa, tra le altre cose, ha nuovamente implorato la pace in Ucraina e in altre zone di conflitto nel mondo. Ha anche ricordato le catastrofiche inondazioni in Pakistan e ha chiesto una solidarietà internazionale “ampia e generosa” con le persone colpite. Allo stesso tempo, ha elogiato gli aquilani per la resilienza e la dignità che hanno dimostrato quando sono stati loro stessi il bersaglio del disastro e hanno dovuto ricostruire le loro case, scuole e chiese.

Anche Benedetto XVI. visitò la tomba di Celestino V prima di dimettersi.

Nel 2013 anche il predecessore di Francesco, Benedetto XVI, ha pregato sulla tomba di Celestino V. Quando poi si è dimesso quattro anni dopo, molti hanno ipotizzato che in realtà avesse già annunciato silenziosamente questo passaggio durante la sua visita all’Aquila.

Notizie correlate
Il papa ha insediato nuovi cardinali, forse anche il suo successore

Inizierà lunedì in Vaticano la riunione di due giorni del Consiglio cardinalizio, che dovrebbe concentrarsi sulla nuova costituzione apostolica della curia romana Praedicate Evangelium. Ma negli ambienti ecclesiali e tra coloro che hanno familiarità con la Chiesa cattolica, si ipotizza che l’incontro possa essere collegato anche alla rimozione di Francesco dai vertici della Chiesa.

Non è un segreto che voglia andare in pensione a causa delle cattive condizioni di salute. La maggior parte concorda sul fatto che è improbabile che si dimetta molto presto, poiché ha ancora in programma alcune visite nel mondo, e dimettendosi interromperebbe il suo processo di riforma della Chiesa.

Se Francesco si dimetterà, sarà convocato un conclave di tutti i cardinali sotto gli 80 anni per eleggere un nuovo papa. Dei 132 cardinali elettori, circa 90 sono stati nominati da Francesco, il che non è ancora una garanzia che il nuovo papa sceglierà allo stesso modo di guidare la Chiesa.

Sabato scorso Francesco ha insediato 20 nuovi cardinali, di cui 16 elettori. Nuovi cardinali provengono da tutto il mondo, compresi quelli noti per le loro visioni progressiste e il lavoro pastorale.

Giuliano Presutti

"Tipico pensatore. Impenitente alcolista. Fanatico di Internet. Difensore della cultura pop. Drogato di TV."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *