Rassicurante notizia degli incendi sul Carso, l’incendio sul versante italiano non è ancora sotto controllo; il governo chiederà aiuto al Fondo di solidarietà dell’UE

L’obiettivo principale era monitorare gli eventi sul versante italiano, dove l’incendio è sceso nella strada inferiore nei pressi di Devetak, ma non si è diffuso sul versante sloveno, dove i nostri vigili del fuoco erano in attesa. Secondo le informazioni ottenute da Hrast, gli italiani avrebbero dovuto iniziare a spegnere il suddetto incendio dall’aria prima delle 7 del mattino. Quasi 50 vigili del fuoco delle comunità slovene circostanti sono accorsi in aiuto dei vigili del fuoco italiani, poiché temono che il vento cambi nel pomeriggio e minacci l’area anche sul versante sloveno.

A causa della possibilità di propagazione dell’incendio, le autorità competenti hanno ordinato l’evacuazione di Cotičev e Devetak e i residenti sono stati accolti nella palestra di Sovodnje.

“Li abbiamo evacuati perché il vento soffiava in direzione delle case”, ha detto il sindaco di Sovodenj Luca Pisk. Come ha detto, l’incendio non ha raggiunto edifici residenziali, ma secondo alcuni residenti, riassunti dal Primorsky dnevnik, di notte, mentre uscivano dalle loro case, le braci hanno quasi inghiottito la casa delle talpe di Kraska.

Dalla mattinata è a terra anche un elicottero e due canadesi stanno aiutando a spegnere l’incendio.

Nel frattempo, in un altro quartier generale di risposta vicino a Škrbina, nel comune di Komen, oltre 150 vigili del fuoco stavano lavorando di notte sulle pendici del Veliki Ovčnjak. L’incendio è perfettamente sotto controllo, durante la notte i vigili del fuoco hanno spruzzato continuamente il bordo del fuoco da tutti i lati, ha indicato Marko Adamič, il capo dell’intervento notturno, anche prima del cambio dei vigili del fuoco la mattina presto.

In mattinata saranno al lavoro 110 vigili del fuoco della regione costiero-carsica, ha annunciato la direzione regionale della protezione civile.

L’incendio alle pendici del Veliki Ovčnjak, scoppiato intorno all’una di notte di mercoledì, ha coperto un’area di circa 20 ettari, ma gli insediamenti non sono minacciati. 180 vigili del fuoco con 60 veicoli hanno lavorato su questo incendio tutto il giorno. Hanno anche avuto il costante aiuto di due elicotteri dell’esercito sloveno per la lotta antincendio e di un elicottero della polizia slovena con una termocamera.

A causa dei danni causati dagli incendi nel Carso, il governo chiederà assistenza al Fondo di solidarietà dell’UE

Nella riunione odierna il governo ha ordinato al ministero della Difesa di predisporre una valutazione dei danni causati dagli incendi nel Carso. Dopo aver preparato la valutazione, il Ministero della Difesa e il Ministero dell’Economia chiederanno assistenza al Fondo di solidarietà dell’UE per il risarcimento dei danni. Il Ministero della Difesa preparerà gli emendamenti alla legge sulla protezione contro i disastri naturali e di altro tipo entro la fine di agosto.

Come ha spiegato il sottosegretario di Stato al ministero della Difesa Damir Črnčec dopo la riunione di governo, la Slovenia può chiedere aiuto al Fondo di solidarietà dell’UE se l’importo totale dei danni causati dagli incendi nel Carso ammonta ad almeno 279 milioni di euro. Si aspetta che la valutazione dei danni sia pronta entro metà settembre. Secondo lui, in caso di aiuti ricevuti, i fondi saranno utilizzati per riparare l’infrastruttura.

“Dimostra che attiveremo tutte le opzioni che abbiamo all’interno dell’UE”, ha affermato. Allo stesso tempo, ha ricordato che la Slovenia aveva chiesto aiuto al fondo quattro volte finora, tre volte a causa dei danni causati dalle inondazioni e una volta per i danni causati dal gelo. Gli importi degli aiuti variavano tra 7,5 e 18 milioni di euro.

Allo stesso tempo, secondo le sue osservazioni, il governo ha anche ordinato al ministero della Difesa di preparare gli emendamenti alla legge sulla protezione contro le calamità naturali e di altro genere entro la fine di agosto e di presentare la proposta al governo, che poi la sottoporrà a la DZ a seguito di una procedura di emergenza.

Come ha annunciato, le modifiche alle leggi risolveranno il problema delle ricompense per i volontari, i vigili del fuoco e tutti coloro che si sono attivati ​​durante gli incendi sul Carso. Sarà possibile utilizzare gli aiuti a determinate condizioni e la condizione di base sarà l’attivazione del piano statale per i grandi incendi nell’ambiente naturale.

Venerdì scorso il governo ha assicurato che i vigili del fuoco volontari e altri volontari coinvolti nella lotta agli incendi nel Carso riceveranno una compensazione finanziaria dal fondo di bilancio per lo sviluppo delle organizzazioni non governative. Il risarcimento ammonta a 63 euro per vigili del fuoco e volontari che partecipano alla lotta al fuoco fino a otto ore al giorno, ea 94,50 euro per chi partecipa alla lotta al fuoco per più di otto ore al giorno.

Oggi i membri del governo hanno preso atto della relazione parziale sull’intervento in caso di incendio nel Carso di Goriška. Secondo stime approssimative del Servizio forestale, la superficie totale dei tre incendi, che copre le aree di Klaričev, Kostanjevica sul versante carsico e Lokvice sul versante sloveno, è di circa 3.500 ettari, di cui circa 2.700 ettari sono boschivi.

Il governo ha incaricato il ministero della Difesa di preparare una relazione finale sulla risposta entro il 15 settembre e, in collaborazione con i ministeri competenti e gli esperti nel campo della lotta antincendio, proposte di misure per migliorare la capacità di osservare, rispondere più rapidamente ed estinguere incendi nell’ambiente naturale.

Valeriano Detti

"Fanatico della cultura pop malvagia. Fanatico del bacon estremo. Amante del cibo. Pensatore. Secchione di viaggio amante degli hipster. Appassionato di caffè."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *