Tedeschi e sloveni meritano il primato

Come annunciato dal Ministero croato del Turismo e dello Sport, il nostro paese vicino è stato visitato da 15 milioni di turisti nei primi otto mesi, che insieme hanno creato quasi 87 milioni di pernottamenti. Secondo i media croati, le entrate potrebbero superare il record del 2019 di almeno 800 milioni di euro.

immagine_alt

Il turismo croato punta a una quota minore di alloggi privati

L’Istria rimane la più popolare

Secondo il portale eVisitor, nei primi otto mesi di quest’anno ci sono stati il ​​40% in più di turisti e il 27% in più di pernottamenti in Croazia rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Rispetto allo stesso periodo del 2019, sono stati raggiunti il ​​91% degli arrivi di turisti e il 96% dei pernottamenti.

Del numero totale di pernottamenti, la maggior parte, ovvero 76,3 milioni, è stata effettuata da stranieri, mentre sono stati registrati 10,3 milioni di turisti nazionali.

La contea istriana ha registrato il maggior numero di pernottamenti con 24,7 milioni, seguita dalla contea di Spalato e Dalmazia con 16 milioni e dalla contea di Primorje-Gorski Kotar con 15,3 milioni di pernottamenti. 12,8 milioni di pernottamenti sono stati creati nella contea di Zara, 6,2 milioni nella contea di Dubrovnik-Neretva e 5,7 milioni nella contea di Šibenik-Knin.

immagine_alt

La costa croata come la nuova Costa Azzurra

La maggior parte delle entrate proviene dai tedeschi

Secondo il Poslovni dnevnik, Rovigno ha ricevuto il maggior numero di pernottamenti turistici, con un massimo di 3,5 milioni di pernottamenti.

Oltre a Rovigno, i turisti hanno preferito pernottare a Parenzo (2,8 milioni) ea Medulin (2,6 milioni), mentre nei primi otto mesi sono stati registrati 2,4 milioni di pernottamenti a Spalato.

Accanto a Parenzo, Rovigno è la destinazione turistica croata più popolare quest'anno.  Foto: Ekaterina_Polischuk/Getty Images/iStockphoto

Accanto a Parenzo, Rovigno è la destinazione turistica croata più popolare quest’anno. Foto: Ekaterina_Polischuk/Getty Images/iStockphoto

I dati mostrano che il maggior numero di turisti ha deciso di pernottare in appartamento (33,9 milioni), mentre 17,7 milioni di vacanzieri hanno dormito in campeggio e 17,2 in hotel.

I tedeschi hanno generato la maggior parte delle entrate dai pernottamenti, seguiti da sloveni, austriaci, polacchi e italiani, afferma anche Poslovni dnevnik.

L’effetto maggiore si vedrà nel terzo trimestre

Ministro del Turismo e dello Sport Nicolina Brnjac si congratula con l’intero settore e aggiunge che oltre all’affluenza turistica, che fisicamente è quasi al livello del 2019, è particolarmente soddisfatta dei risultati economici, che sono addirittura migliori di quelli del periodo precedente la pandemia.

“Come ha mostrato l’inizio dell’anno, quando già nel primo trimestre sono state generate più entrate dai turisti stranieri rispetto all’anno record del 2019, questo è continuato e durante la parte corrente dell’anno abbiamo raggiunto quasi 600 milioni in più di valore di fatture tassate rispetto a tutto il 2019”, sottolinea il ministro, e prevede al contempo un ottimo post-stagione.

Nel secondo trimestre di quest’anno, la Croazia ha registrato una crescita del PIL del 7,7%, che secondo gli analisti è dovuta ai buoni risultati del turismo. L’effetto più grande di una stagione di successo non si vedrà fino al terzo trimestre, credono.

immagine_alt

Croazia, una destinazione riservata ai ricchi

Valeriano Detti

"Fanatico della cultura pop malvagia. Fanatico del bacon estremo. Amante del cibo. Pensatore. Secchione di viaggio amante degli hipster. Appassionato di caffè."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *