Temono il cambio di direzione del vento previsto per venerdì. Il pagamento dei premi ai vigili del fuoco sarà regolato dalla legge.


La vista verso l'incendio sul versante italiano del confine da Kostanjevica na Karst.  Foto: sede regionale Ervin Čurlič/CZ per il nord della Primorska
La vista verso l’incendio sul versante italiano del confine da Kostanjevica na Karst. Foto: sede regionale Ervin Čurlič/CZ per il nord della Primorska

Le autorità sono preoccupate per un incendio sul versante italiano nei pressi di Devetak, proprio a ridosso del confine, che potrebbe estendersi anche in Slovenia verso i villaggi di Opatje selo e Nova vas. I vigili del fuoco italiani con un elicottero e un canadese hanno combattuto l’incendio tutto il giorno, anche i vigili del fuoco sloveni e un elicottero sono accorsi in soccorso. I residenti di Vrh, Devetak e Vižintinov sono stati evacuati, secondo quanto riportato da TV Slovenija in Reports alle 17:00.

Successivamente è stata disposta l’evacuazione anche per il villaggio di Poljane, che a Gabrje è attualmente in attesa. Poco prima delle 20:00, i vigili del fuoco hanno spento l’incendio su Vrhu a pochi metri dalle case, riferisce Primorski dnevnik.

“L’incendio si sta diffondendo a sud o sud-ovest. Oggi siamo stati aiutati da una burrasca, ma per venerdì è previsto un cambio di direzione del vento e siamo preoccupati che l’incendio possa spostarsi verso la Slovenia e coprire di nuovo il villaggio di Opatje Selo”. ha detto nel programma Dnevnik Simon Vendramincapofila della parte slovena dell’intervento.

L’incendio divampa da ieri a Brestovac, la collina sopra Devetaki nel comune di Sovodnje ob Soča. Intorno alle 13 di mercoledì, l’incendio è divampato lungo la strada vicino a Devetaki e si è rapidamente diffuso con il vento fino a Brestovec, dove, tra l’altro, si trova un museo a cielo aperto della prima guerra mondiale. Già in mattinata due canadesi e tre elicotteri stavano combattendo l’incendio. Il fumo denso impediva loro di volare basso. Al lavoro 40 vigili del fuoco, membri della protezione civile e della polizia forestale, riferisce il giornalista Špela Lenardič.

Il fuoco si è diffuso da Brestovac in direzione di Dol e si è avvicinato anche a Doberdob e Gorica.

La maggior parte dei residenti evacuati di Vrh ha trovato alloggio presso parenti e amici. Nella palestra di Sovodenj, dove veniva offerto loro anche un pasto caldo e un riposo sicuro, ce n’erano solo una manciata durante il giorno. Secondo le dichiarazioni di alcuni residenti, riassunte da Primorski dnevnik, di notte, quando hanno lasciato le loro case, gli zublji hanno quasi catturato la talpa di Krašk.

Il fuoco torna a divampare sul versante italiano del Carso; Cosa mostrano le prime indagini?

Paura che il fuoco si propaghi ancora sul versante sloveno

“In qualche modo la storia dei primi giorni si sta ripetendo, quando il fuoco si è poi propagato alla parte slovena e ha minacciato sia Opatje Selo, Nova vas e Lokvica. Speriamo che questa volta non accada”, ha aggiunto. lo ha detto a STA il portavoce del quartier generale della protezione civile regionale di North Primorska nel primo pomeriggio Ervin Curlic. I vigili del fuoco sono anche assistiti da taglialegna e membri dell’esercito sloveno nel tagliare il taglio dell’intervento.

È più tranquillo sulle pendici del Veliki Ovčnjak, dove l’incendio è stato completamente spento durante la notte, e anche i vigili del fuoco hanno spruzzato un getto d’acqua e pulito il bordo dell’incendio. Spenti anche gli incendi nelle vicinanze di Kostanjevica sul Carso, i vigili del fuoco rimangono a terra, ha annunciato Daniele Cec, rappresentante della sede di intervento. Durante la notte in questa zona si sono ancora aperti alcuni hot spot, ma la squadra di 47 vigili del fuoco in servizio li ha controllati.

Brucia pesantemente nella parte italiana del Carso
Finalmente una giornata tranquilla nella parte slovena del Carso, niente più preoccupazioni solo oltre confine

Črnčec: il governo ha incaricato Morso di preparare la valutazione dei danni il prima possibile

Segretario di Stato presso il Ministero della Difesa Damir Cerncec ha spiegato in conferenza stampa al termine della riunione di governo che il governo aveva incaricato Morso di predisporre al più presto una valutazione del danno diretto totale dell’incendio nel Carso, sulla base della quale la Slovenia può richiedere l’assistenza del Fondo di solidarietà dell’Unione europea . Come ha detto Črnčec, il piano nazionale è attualmente ancora attivo, ma si aspettano ancora di avere le prime valutazioni dei danni entro metà settembre. “che chi ha subito il danno sia risarcito al più presto”.

L’importo che la Slovenia riceverà dal suddetto fondo dipende dall’ammontare del danno. Črnčec ha spiegato che la Slovenia ha finora ricevuto fondi per tre volte (due volte in caso di inondazioni e dopo la rottura del ghiaccio), vale a dire da 7,5 a 18 milioni di euro (48 milioni in totale per i tre disastri naturali). La condizione affinché lo Stato riceva i fondi del fondo di solidarietà è che il danno superi una certa soglia, che nel nostro Paese è di 279 milioni di euro, ha detto Črnčec. Il denaro sarà utilizzato per riparare le infrastrutture, vale a dire per eliminare i danni causati al suolo, ha poi spiegato.

Il governo chiederà l’aiuto dell’Europa a causa dell’incendio

In preparazione di una legge che consentirà il pagamento dei premi

Il governo ha incaricato Morso di preparare entro la fine di agosto gli emendamenti alla legge sulla protezione contro le calamità naturali e di altro genere, che saranno poi trasmessi al parlamento con procedura d’urgenza: “Con questa legge risolviamo la questione delle ricompense ai volontari e ai vigili del fuoco, a tutti coloro che si sono attivati ​​in questa grande calamità naturale”. Dovranno essere soddisfatte alcune condizioni affinché la ricompensa venga pagata, il piano statale di base venga attivato e verranno preparati criteri molto specifici per quando e come questo denaro può essere pagato, ha spiegato Črnčec.

I membri del governo hanno preso atto della relazione parziale sull’intervento a seguito degli incendi nel Carso di Goriška. Secondo stime approssimative del Servizio forestale, la superficie totale dei tre incendi, che copre le aree di Klaričev, Kostanjevica sul versante carsico e Lokvice sul versante sloveno, è di circa 3.500 ettari, di cui circa 2.700 ettari sono boschivi.

Venerdì scorso il governo ha assicurato che i vigili del fuoco volontari e altri volontari coinvolti nella lotta agli incendi nel Carso riceveranno una compensazione finanziaria dal fondo di bilancio per lo sviluppo delle organizzazioni non governative. Il risarcimento ammonta a 63 euro per vigili del fuoco e volontari che partecipano alla lotta al fuoco fino a otto ore al giorno, ea 94,50 euro per chi partecipa alla lotta al fuoco per più di otto ore al giorno.


Foto: BoBo/Borut Zivulovic
Foto: BoBo/Borut Zivulovic

Il legno deve essere rimosso rapidamente

Comandante della Protezione Civile Fortunato Sestan Mercoledì ha emanato un’ordinanza sull’asportazione del legno tagliato nel Carso durante la realizzazione dei tagliafuoco. Secondo le stime, è da quattro a cinquemila metri cubi. Ha spiegato a Radio Slovenija che è principalmente vicino a strade e insediamenti e rappresenta un grande pericolo per la propagazione dell’incendio. Miha Zupancic della società Slovenski državni gozdovi, che, oltre all’Istituto forestale, si occupa della rimozione del legname: “In ogni caso diamo priorità ai privati, perché ognuno pulisca la propria legna al proprio bivio, ma siccome i tempi sono brevi, fino al 1 agosto chiediamo loro di farci sapere se desiderano pulire la legna. stessi, altrimenti lo faremo a loro spese. Letteralmente, questo significa che porteremo quel legno in discarica, macineremo la maggior parte in trucioli, lo venderemo e poi distribuiremo il riscatto per quel legno attraverso un distributore.

I proprietari possono pulire il legno da soli fino all’8 agosto e l’Istituto forestale chiede che il legno che rimuovono sia contrassegnato in modo appropriato. Sindaco della Renania-Palatinato Tarik Zigon ha annunciato a Radio Slovenia che, viste le brevi scadenze, sarebbero venuti in aiuto dei cittadini: “Forse ci sarà un’altra iniziativa civile del genere per aiutare coloro che vogliono davvero conservare questa biomassa. Offriremo la nostra terra per la discarica in modo che possano estrarre rapidamente questa biomassa dalle foreste lì e quindi preparare legna da ardere”.

I vigili del fuoco sono i più preoccupati per l’incendio sul versante italiano

Da quasi due settimane anche il lato italiano del confine sta combattendo gli incendi.  Foto: Bobo
Da quasi due settimane anche il lato italiano del confine sta combattendo gli incendi. Foto: Bobo

Agata Lucciano

"Propenso ad attacchi di apatia. Evangelista della birra. Incurabile maniaco del caffè. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *