Un venditore ambulante nigeriano è stato picchiato a morte in Italia mentre gli astanti riprendevano l’incidente


La foto è simbolica.  Foto: EPA
La foto è simbolica. Foto: EPA

Secondo Deutsche Welle, lo è Alika o. Verso le 14 stava vendendo merci nella principale via dello shopping quando l’aggressore ha afferrato la sua stampella e lo ha picchiato, ha detto la polizia.

I media riferiscono che il venditore ha chiesto alla ragazza dell’aggressore di comprare una sciarpa o di dargli qualche resto. Avrebbe detto alla ragazza “bella” o “bellezza”, che dovrebbe mettere l’attaccante sull’orlo del baratro.

Come mostrato nel video, l’aggressore ha gettato a terra la vittima e il venditore ha resistito, ma è crollato sotto il peso dell’aggressore.

Nessuno dei passanti presenti è intervenuto fisicamente, ma alcuni hanno chiamato la polizia, che ha cercato di soccorrere la vittima al suo arrivo, ha detto il capo della polizia. Matteo Lucani. Il venditore aggredito è morto sul posto.

La polizia ha seguito l’aggressore utilizzando le telecamere di sorveglianza della strada e poi ha arrestato un uomo di 32 anni. È sospettato di omicidio e furto perché avrebbe rubato il telefono della sua vittima.

39 anni Alika O. vendeva fazzoletti e altre cose nella via principale dello shopping.

I media locali hanno riferito che ha perso il lavoro a causa di problemi di mobilità dopo essere stato investito da un’auto mentre era in sella alla sua bicicletta. L’incidente gli ha lasciato le stampelle. Era sposato e aveva un bambino di otto anni. Avrebbe vissuto in Italia per dieci anni.

Condanne politiche

Il sindaco Tommaso Claudio Corvata ha condannato l’attacco e “clima di intolleranza”, che dà “È da un po’ che imperversa in città”.

ministro della salute Roberto Speranza ha criticato il fatto che nessuno ha aiutato la vittima. “L’indifferenza è grave e imperdonabile come la violenza”, Egli ha detto.

Anche il leader di centrosinistra del Pd ha condannato l’attentato Enrico Letta.

Anche, pure estrema destra Politica Matteo Salvini e Giorgia Meloni, strenui oppositori degli immigrati, ha condannato l’attacco e ha espresso la speranza che l’autore del reato venga severamente punito.

Gioachino Femia

"Appassionato di cultura pop. Esperto di caffè. Secchione di bacon. Comunicatore umile e irritante. Giocatore amichevole."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *