Una gemma sconosciuta, ma pur sempre un’oasi nell’affollato Mediterraneo

Persone amichevoli, cucina eccezionale, spiagge sabbiose da sogno e vegetazione lussureggiante all’interno del paese sono solo alcuni dei tanti argomenti per visitare l’Albania. L’idea preconcetta che l’Albania sia un paese balcanico sottosviluppato, sporco, pericoloso e disordinato è in realtà solo un’idea preconcetta e, come sappiamo, il modo più semplice per rimediare alle idee preconcette è viaggiare.

Sebbene gli albergatori e i ristoratori albanesi abbiano operato quasi senza interruzioni l’anno scorso e l’anno prima, hanno anche tirato visibilmente un sospiro di sollievo quando sono state adottate misure epidemiologiche nella maggior parte dei paesi europei. “Naturalmente, siamo stati sollevati dal fatto che le restrizioni fossero state revocate e che più ospiti stranieri potessero finalmente venire a casa nostra senza complicazioni. Anche se non c’erano molte restrizioni, non potevamo essere completamente rilassati”, ci ha detto cristianoun barista sorridente in uno dei cocktail bar della cittadina costiera di Saranda.

Tutto è pieno di posti meravigliosi che vale la pena passeggiare.  FOTO: materiale promozionale

Tutto è pieno di posti meravigliosi che vale la pena passeggiare. FOTO: materiale promozionale

Sono attesi oltre sei milioni di turisti

Come la maggior parte degli altri ristoranti e hotel in Albania, Christian lavora per un’azienda di famiglia; aspetta tutta l’estate, studia medicina il resto dell’anno – o almeno così ha detto alla nostra allegra compagnia. Nella città della riviera albanese meridionale, a breve distanza in barca dall’isola greca di Corfù, amano vantarsi di avere almeno 300 giorni di sole all’anno. Come hanno scritto anni fa su un quotidiano britannico Custode, la riviera albanese potrebbe diventare una nuova gemma sconosciuta nell’affollato Mediterraneo. Questa gemma non è stata scoperta per molto tempo; la città costiera splendidamente decorata è piena di bar, ristoranti e hotel di varie dimensioni, l’offerta ricorda molto l’offerta che potresti trovare da qualche parte in Italia o in Grecia. L’unica differenza evidente sono i prezzi, che sono ovviamente notevolmente più bassi in Albania, mentre la qualità non è affatto indietro rispetto ai paesi mediterranei con un turismo più sviluppato.

L'occhio azzurro, o Syri i Kaltër in albanese, è una bellissima fonte di acqua ghiacciata nel mezzo della torrida Albania.  FOTO: materiale promozionale

L’occhio azzurro, o Syri i Kaltër in albanese, è una bellissima fonte di acqua ghiacciata nel mezzo della torrida Albania. FOTO: materiale promozionale

Il ritmo della ripresa dalla pandemia ha più che soddisfatto i lavoratori del turismo albanese. Come ci ha detto mimosa cola, direttore marketing dell’organizzazione turistica albanese, l’anno scorso ha contato 5,6 milioni di visitatori, la maggior parte durante la stagione estiva, e secondo i dati sulle prenotazioni fino ad oggi noti, si prevede che quest’anno saranno un quinto in più. Non hanno ancora dati completi sulle prenotazioni, ma i primi risultati, la crescita della domanda e la congestione stradale mostrano che le aspettative di oltre sei milioni di turisti non sono sopravvalutate.

Miglia di spiagge sabbiose vicino alle città di Valona, ​​Himara, Saranda e Ksamili sono ben tenute, ma gestite principalmente da ristoratori locali.  FOTO: Arben Celi/Reuters

Miglia di spiagge sabbiose vicino alle città di Valona, ​​Himara, Saranda e Ksamili sono ben tenute, ma gestite principalmente da ristoratori locali. FOTO: Arben Celi/Reuters

Alpi e fiumi cristallini

Simile alla Slovenia, l’Albania, che è leggermente più grande e ha una popolazione di 2,8 milioni, ama vantarsi di avere tutto, le montagne e il mare.Come negli anni precedenti, durante i caldi mesi estivi, l’organizzazione turistica prevede una grande afflusso di ospiti stranieri sulle colline.

Il remoto villaggio di Theth si trova sulle colline settentrionali del paese, a circa 70 chilometri dalla città di Scutari, sulle rive del lago di Scutari. A nord, nelle Alpi albanesi, merita una visita anche la Valbona Valley, e la vera chicca è il fiume Shale, che i turisti hanno scoperto solo pochi anni fa e amano paragonarlo alla Thailandia. Simile a Shale, i fornitori organizzano gite di rafting di un giorno nell’Osum River Canyon, nel sud del paese. Preoccuparsi di rimanere affamati o assetati in questi viaggi è del tutto inutile con gli albanesi ospitali e disponibili.

La capitale Tirana è anche la più grande del paese con 700.000 abitanti.  FOTO: materiale promozionale

La capitale Tirana è anche la più grande del paese con 700.000 abitanti. FOTO: materiale promozionale

C’è il sole in mare, ma non sarai solo

La penisola di Karaburun offre una serie di bellissime spiagge di ciottoli e calette nascoste con mare cristallino accessibili solo in barca. La storica città di Berat, con i suoi 2.400 anni di storia, è in cima ai consigli che qualsiasi albanese a cui chiedi consigli e indicazioni per strada ti darà. Gjirokastra nel sud dell’Albania, con una popolazione di circa 30.000 abitanti, è nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO come raro esempio di città ottomana ben conservata costruita da agricoltori di grandi aree. Sopra c’è una fortezza, dove ogni cinque anni si tiene una festa popolare di alto profilo, e la città non ha carenza di ristoranti tradizionali grandi o piccoli che impressioneranno anche i mangiatori più esigenti.

Dalla primavera al tardo autunno, la riviera albanese è una mecca per i turisti locali e stranieri. Miglia di spiagge sabbiose vicino alle città di Valona, ​​Himara, Saranda e Ksamil sono ben mantenute e gestite principalmente da ristoratori locali. Per dieci euro ottieni due grandi sdraio in legno e un grande ombrellone su una di queste spiagge, oltre a un cameriere sempre sorridente che può vedere da lontano quando la rugiada della tua bottiglia di birra si esaurisce. I prezzi in questi ristoranti sono molto ragionevoli. Ad esempio, per un pranzo molto sostanzioso per otto persone, antipasti vari, pesce, crostacei, granchi, polpo, insalata, qualche brocca di vino e diverse altre bottiglie di birra e dessert, abbiamo pagato 120 euro, mancia inclusa.

È anche l'immagine del turismo albanese.  FOTO: Gent Shkullaku/AFP

È anche l’immagine del turismo albanese. FOTO: Gent Shkullaku/AFP

All’inizio di giugno abbiamo trovato ancora un parcheggio vicino a queste spiagge, come ci hanno raccontato i nostri ospiti, ma in alta stagione gli ingorghi sono molto meno sopportabili. Mentre negli anni precedenti potremmo aver letto dei problemi di lettiera che dovremmo avere nelle zone costiere qui, questo non è stato osservato durante la nostra visita. Al contrario, su una delle spiagge paradisiache, abbiamo visto persone che pulivano regolarmente la sabbia a metà giornata, anche il più piccolo scarafaggio non aveva possibilità di rimanere lì per più di qualche minuto.

Una lunga lista di consigli

Mimoza Kola è lieta che durante i primi quattro mesi abbiano già raggiunto il traguardo di un milione di ospiti stranieri, ovvero il 42% in più rispetto allo scorso anno rispetto allo stesso periodo. Il numero di visitatori provenienti dalla vicina Grecia è aumentato, con sei volte più visitatori provenienti dalla Spagna e tre volte più italiani. Sebbene l’anno scorso non avessero quasi nessuna restrizione, c’erano pochi ospiti da questi paesi mediterranei sviluppati dal turismo, soprattutto a causa delle misure adottate a casa. “Si può dire che i polacchi sono stati l’unico gruppo organizzato di turisti che viene regolarmente sulla costa albanese e non sono stati assenti nemmeno durante la pandemia. Agli ospiti provenienti dalla Polonia possiamo aggiungere altri dell’est europeo, come ucraini, bielorussi, Russi e serbi”, ha detto Kola. Ospiti tradizionali dei paesi scandinavi e della Germania sono scomparsi sulla costa albanese da due anni, ma le agenzie prevedono che quest’anno inizieranno a tornare nei famosi hotel della regione di Golem e Saranda.

La famosa località balneare di Ksamil.  FOTO: materiale promozionale

La famosa località balneare di Ksamil. FOTO: materiale promozionale

Dato che io e la mia compagnia siamo rimasti solo pochi giorni in Albania, abbiamo chiesto a Mimoza Kola consigli su dove andare la prossima volta che torneremo nel loro bellissimo paese. “L’Albania offre ai suoi ospiti ogni tipo di turismo, dal turismo marittimo, montano, culturale al turismo sanitario e termale. Ci sono tanti posti belli che vale la pena visitare. Valbona e Theth sono meraviglie imperdibili delle Alpi albanesi. I gioielli della cultura Anche le città di Berat, Gjirokastra, Scutari e Kruja sono apprezzate dai nostri visitatori. Korča e Pogradec con i loro villaggi tranquilli sono piacevoli per una vacanza non solo in inverno, ma anche in estate, soprattutto per i vacanzieri che vogliono godersi la pace e il verde”, disse Mimoza Kola.

Gli appassionati di vacanze attive possono anche essere attratti dal canottaggio lungo la Vjosa; questo fiume lungo 270 chilometri è uno dei più grandi del paese e uno degli ultimi non regolamentati in Europa. Ambientalisti e canottieri dilettanti di tutti i Balcani stanno resistendo ai piani per arginare e costruire una centrale idroelettrica su di esso. Anche gli sloveni svolgono un ruolo importante tra loro, ci racconta il simpatico proprietario di un campeggio in riva al fiume, che durante la nostra visita ha accolto un gruppo di manifestanti ambientalisti contro la costruzione di una diga su questo fiume, che in molti punti somiglia molto all’Isonzo con il suo colore. “In questo mondo, quelli che hanno soldi vincono, e dubito che sarà diverso nel caso di Vjose. Ora che abbiamo una perla qui, per quanto tempo rimarrà intatta, nessuno lo sa. Perciò, sloveni, voi sono invitati in Albania il prima possibile, in modo da poterla vedere come dovrebbe essere”, ha detto il proprietario del campo dove ci siamo fermati per un caffè lungo la strada.

Sofia Folliero

"Tipico zombieaholic. Generale fanatico di Twitter. Fanatico del cibo. Giocatore. Analista impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *