Anche in caso di colpa grave, non emettono fattura

Anche prima del picco della stagione estiva in montagna, i soccorritori alpini hanno le mani occupate. Un elicottero dell’esercito sloveno con una squadra di servizio spesso li aiuta nel loro salvataggio. I costi del soccorso in elicottero, che spesso è l’unica soluzione a causa del terreno accidentato, sono tutt’altro che trascurabili. Per colpa di alpinisti spericolati e irresponsabili, sono quindi tante le richieste di aiuto a pagamento per chi è senza assicurazione in caso di incidente.

L’operazione dell’Associazione di soccorso alpino della Slovenia (GRZS) è cofinanziata dall’amministrazione della Repubblica di Slovenia per la protezione e il salvataggio (URSZR) e oltre al GRZS dalla polizia, dall’esercito sloveno e dal Ministero della Salute.

Tra il 2016 e il 2020 i costi del GRZS per il soccorso alpino sono stati oltre 4,3 milioni di euro, i costi della polizia per l’elisoccorso hanno superato i 660.000 euro, mentre il Ministero della Salute, attraverso lo ZZZS, finanzia il medico del GRZS per l’elisoccorso – i fondi sono ricevuti da Gorenjska Basic Health Care, Zdravstveni dom Kranj, che organizza il lavoro del medico GRS. Le spese per lui nel periodo indicato ammontavano a 309.000 euro.

Più di 300 interventi quest’anno

In Slovenia il soccorso alpino è gratuito, a differenza, ad esempio, di Austria e Italia. All’estero, in caso di intervento in elicottero, il cittadino sloveno deve farsi carico delle spese, a meno che ovviamente non sia assicurato. La tessera sanitaria europea non copre questo, quindi è gradita una buona assicurazione di assistenza. Nel nostro Paese, almeno per ora, le compagnie assicurative non offrono assicurazioni in caso di incidente in montagna.

Gli interventi non sempre riguardano alpinisti male attrezzati o inesperti. I soccorritori alpini avvertono che se qualcosa va storto sulla montagna, molte persone sarebbero riluttanti a chiedere aiuto se fossero “minacciate” dal conto. Presso l’Amministrazione della Repubblica di Slovenia per la Protezione e il Soccorso, anche in caso di colpa grave, non hanno emesso fattura a nessuno negli ultimi dieci anni.

Nell’era dei social network gli incidenti sono all’ordine del giorno, poiché le persone vanno in montagna senza una sufficiente preparazione psicofisica, gli stranieri spesso si trovano in difficoltà a causa della loro ignoranza della complessità del terreno e, di conseguenza, di un’attrezzatura inadatta. Per questo la questione del salvataggio retribuito si è ripetuta più volte, ma il ministero della Salute, che ne cura la regolamentazione, non ha (ancora) addentato questa mela acerba.

Nell’era dei social network, gli incidenti in montagna sono all’ordine del giorno e la stagione non è ancora al culmine. FOTO: GRS Lubiana

Ex ministro della Difesa Matej Tonin a settembre 2020, invece, proponeva un provvedimento di legge con il quale parte delle spese sarebbe stata devoluta a chi non fosse sufficientemente assicurato, e i fondi raccolti sarebbero poi stati utilizzati per finanziare il soccorso alpino, l’istruzione e la formazione, ma al di là dei colloqui con l’Alpinismo L’associazione della Slovenia e del GRZS, che Tonino ha affermato di sostenere la proposta, non ha avuto luogo.

ministro della salute Danijel Besic Loredan al contrario, il suo gabinetto è stato discreto nelle sue spiegazioni: “L’attuale governo esaminerà attentamente l’attuale situazione dell’assistenza medica di emergenza in elicottero (HNMP) e, con l’aiuto di esperti della società civile che segnalano le carenze del sistema, troverà soluzioni. Si prevede che in autunno saranno più chiare le risposte in merito alla regolamentazione del settore dell’assistenza medica d’urgenza, che comprende anche l’HNMP. »

L'anno scorso, le squadre di servizio dell'esercito sloveno sono intervenute 196 volte in montagna.  FOTO: Esercito sloveno

L’anno scorso, le squadre di servizio dell’esercito sloveno sono intervenute 196 volte in montagna. FOTO: Esercito sloveno

Più di tremila euro per un’ora di volo

L’anno scorso, le squadre di servizio del 151° squadrone di elicotteri dell’esercito sloveno sono state coinvolte in operazioni di soccorso 633 volte, di cui 196 volte in operazioni di soccorso alpino. Per l’intervento degli elicotteri in servizio – che hanno fornito anche assistenza in elicottero d’emergenza, trasporto dell’incubatrice e antincendio – il traguardo raggiunto è di poco inferiore ai due milioni di euro. Un’ora di volo in elicottero costa più di tremila euro, a cui vanno aggiunti i costi dei soccorritori alpini e del personale medico.

I costi di una campagna possono quindi arrivare fino a cinquemila euro, ha avvertito di recente il presidente dell’Associazione slovena di soccorso alpino. Gregor Dolinar. Nell’unica giornata del 6 luglio di quest’anno i soccorritori alpini hanno effettuato 301 interventi, un elicottero accorso in loro soccorso in poco meno della metà (128 interventi).

Gioachino Femia

"Appassionato di cultura pop. Esperto di caffè. Secchione di bacon. Comunicatore umile e irritante. Giocatore amichevole."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *