Bouwman è succeduto a Roglič dopo tre anni

ciclista olandese Cohen Bouwman ha vinto la settima e allo stesso tempo la prima vera tappa di montagna della corsa attraverso l’Italia quest’anno. Il membro del team Jumbo-Visme, che ha ottenuto la prima vittoria al Giro della sua squadra in tre anni, ha battuto il suo connazionale in volata Bauke Mollemo e un italiano David Formol.

Per il 28enne olandese era solo la seconda vittoria in carriera, aveva festeggiato la prima nel 2017 durante il Critérium du Dauphiné. “Non posso crederci. È stata una giornata brutale, ma alla fine ci siamo Tom Dumoulin, che per me ha lavorato molto, ha sfruttato la superiorità numerica. Questo mi ha permesso di mantenere la massima forza tra le fughe e di conquistare la vittoria con un lungo sprint”, ha detto il felicissimo vincitore al traguardo, che ha anche preso il comando della classifica dei traguardi in montagna, essendo stato il migliore su tre delle quattro salite classificate.

Per un po’ sembrava che potesse anche lottare per la leadership assoluta. Faceva parte del gruppo di fuga, che alla partenza – il gruppo formato dopo 70 chilometri di rotolamento – aveva sette corridori forti, che accumulavano tutti un notevole distacco nelle fasi iniziali. Ma Bouwmanov era il più corto, quindi quando le fughe avevano un vantaggio di cinque minuti e mezzo, era già praticamente in vantaggio.

Ma al team Trek-Segafreda, che ha corso per il leader Juan Lopez, e Ineosa, dettando il ritmo fino alla fine, ha colmato il distacco con il gruppo di testa, ridotto a quattro corridori. In esso Dumoulin prima ha deciso di attaccare, poi sembrava che Formola sarebbe scappato, e alla fine anche Mollema ha provato ad attaccare. Bouwman stava già lottando, era indietro di 20 secondi sull’ultima salita classificata, ma ha comunque trovato la forza per unirsi di nuovo ai primi tre.

Alla fine, Dumoulin non ha potuto rispondere agli attacchi, ma ha seguito i suoi rivali fino alla fine. Negli ultimi due chilometri ha dettato anche il ritmo, aiutando il compagno di squadra, che ha approfittato del suo aiuto e ha regalato alla sua squadra una vittoria di tappa al Giro dopo tre anni. L’ultimo vincitore della squadra olandese è stato Primoz Roglicvincitore della cronometro di San Marino.

Domen Novak è salito al 61° posto assoluto

L’unico ciclista sloveno ha corso solidamente anche la tappa da Diamante a Potenza, lunga 196 chilometri e comprendeva quattro mete di montagna (una di prima, due di seconda e una di terza categoria). Tenuta Novak (Bahrain vittorioso). Ha tagliato il traguardo tra i primi del gruppo di testa, che erano indietro di due minuti e 59 secondi, e ha preso il 20° posto. In totale, passa dal 112° al 61° posto, e il suo distacco è già di 26 minuti e 49 secondi.

Il comando della classifica generale è stato dello spagnolo Juan Lopez (Trek-Segafredo), che ha 38 secondi di vantaggio sul tedesco Lennard Kamno. L’ottava tappa di domani (153 km) sarà ancora un po’ più facile, non altrimenti pianeggiante, ma senza salite particolarmente impegnative. Partenza e arrivo a Napoli.

Gioachino Femia

"Appassionato di cultura pop. Esperto di caffè. Secchione di bacon. Comunicatore umile e irritante. Giocatore amichevole."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *