Film della settimana: Migrant Film Festival

Ci saranno 23 film da 11 paesi in mostra

La giungla

La filantropia slovena organizza la tredicesima Giornata mondiale del rifugiato festival del cinema dei migranti. Proiezioni ed eventi di accompagnamento tornano a Lubiana e in altre 10 città della Slovenia, illuminando vari volti della migrazione, dell’asilo e della vita dei rifugiati. A Lubiana, il festival si svolgerà dal 20 al 23 giugno a Kinodvor, Slovenska kinoteka, Pritličje, AGRFT e Slovenska filantropija. I visitatori potranno assistere a proiezioni di film presso Houses of Fruit Company e organizzazioni partner a Črnomelj, Gornja Radgona, Koper, Ljutomer, Logatec, Maribor, Metlika, Murska Sobota, Ptuj e Žalec. Il festival si aprirà il 20 giugno a Kinodvor con la proiezione del documentario Jungle diretto da Cristiano Natoli.

Sulla sponda del fiume a Gorizia, in Italia, c’era un campo di migranti, una giungla, un luogo incastrato tra le culture. Attraverso gli occhi della carismatica regista Elise Menon, gli spettatori sperimenteranno la comunità attraverso uno spettacolo teatrale intimo e narrativo che attira l’attenzione sulle migrazioni attuali in modo empatico e bizzarro. Questo film unico si concentra sulla creazione di legami interpersonali piuttosto che sulle differenze. Il film offre una storia creativa e interessante sulle persone e sui loro sentimenti, evitando di presentare storie patetiche e drammatiche spesso sfruttate dai media. Sia il film che lo spettacolo esprimono la passione, la dedizione, l’energia creativa e il divertimento che i partecipanti hanno sperimentato durante la creazione dello spettacolo.

596776041

Il festival presenterà 23 film da 11 paesi in sei parti: Ignored, Violent Borders, Through the Prism of European Racism, Rosary Film Commune, Women on the Road e Across the Border FMF. Il festival ospiterà 14 registi e ospiti dell’evento di accompagnamento. Ancora una volta, le storie attuali si concentreranno sulla realtà di coloro che sono stati costretti ad abbandonare le loro case a causa di guerre, violazioni dei diritti umani, povertà, avidità aziendale o altri motivi. Attraverso storie di film e contributi degli ospiti, attireranno l’attenzione sui confini violenti, sul razzismo europeo e sulle donne in viaggio.

“Dopo 30 anni sul suolo europeo, la guerra infuria di nuovo e i rifugiati stanno tornando da noi. Diciamo spesso che abbiamo accolto i rifugiati in Slovenia negli anni ’90: li abbiamo accolti nelle nostre case, fornito loro varie forme di assistenza, ma lo stato non si è mosso per molto tempo e ha dato loro uno status, consentendo loro di integrarsi nella società quando accettiamo i rifugiati dall’Ucraina a braccia aperte: offriamo loro alloggio, aiuti umanitari, insegniamo loro lo sloveno, offriamo loro lavoro, adottiamo anche una legislazione adeguata che dia loro lo status e i relativi diritti come i rifugiati hanno uno status tanto atteso, ancora più pavone decisioni di concessione. La guerra in Ucraina scomparirà presto dalle prime pagine dei giornali e dimenticheremo di nuovo i profughi. ma in alcuni centri profughi remoti, in alcuni non-spazi, ci sono persone escluse e dimenticate. La nuova politica rimuoverà il filo tagliato dal confine. Rimuoverà anche gli ostacoli nelle nostre teste? “ha scritto Franci Zlatar, M.Sc., Direttore Esecutivo della Filantropia Slovena.

Il festival si concluderà il 23 giugno con il documentario Hir vi muv hir vi gruv (direttore Sergej Kreso). “Una storia molto personale riflette la mia vita in molti modi: la vita di un rifugiato bosniaco che ha trovato casa in un nuovo ambiente grazie alla sua arte. D’altra parte, il film offre un quadro più ampio dell’Europa attraverso i rifugiati e la loro musica .l’idea di unire il tema della migrazione con la musica mi ha permesso di trarre un po’ di serietà e sensibilità dai temi e creare un buon mix con l’aiuto dell’umorismo.persone che si divertono con la loro musica espressiva, e al allo stesso tempo incoraggiare lo spettatore a riflettere su ciò che divide l’Europa e ne minaccia l’esistenza”, ha scritto il regista del film.

Gioachino Femia

"Appassionato di cultura pop. Esperto di caffè. Secchione di bacon. Comunicatore umile e irritante. Giocatore amichevole."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *