Il destino degli ambasciatori del governo Janša è noto

Parlando alla STA, il ministro degli Esteri Tanja Fajon ha espresso la speranza che la guerra in Ucraina finisca il prima possibile. Annunciò una visita a Berlino e raccontò cosa sarebbe successo agli ambasciatori nominati dal governo Janša.

Il Ministro degli Affari Esteri Tanja Fajon in un’intervista con la STA, ha espresso la speranza che la guerra in Ucraina finisca il prima possibile. Ha annunciato una visita a Berlino, che sarà un segno concreto di ritorno nei paesi al centro dell’UE. Spera in buoni rapporti con la Croazia, che presto avrà difficoltà a entrare a far parte di Schengen. Gli ambasciatori nominati dal governo Janša rimarranno in carica.

“Voglio che la Slovenia rafforzi la sua reputazione di politica estera come paese credibile, impegnato nei valori europei, nel rispetto della costituzione, dello stato di diritto, della democrazia. Voglio indirizzare la politica estera verso i principali paesi dell’UE. Anche nel senso che siamo degni di comunicazione, rispettosi di tutti i partner. Mi sembra che negli ultimi anni abbiamo ricevuto troppe comunicazioni sfortunate e offensive, tra cui screditare e conflitti inutili”, ha parlato della politica estera che perseguirà.

“Sono molto felice che la mia prima visita bilaterale sarà a Berlino. Questo risponde all’annuncio che vogliamo rafforzare la cooperazione sugli assi Berlino, Parigi e Roma. Venerdì prossimo visiterò il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock. Ho avuto il opportunità due volte questa settimana Il mese prossimo il ministro degli Esteri tedesco Luigi Di Maio si recherà in visita a Lubiana per discutere la cooperazione con questi paesi chiave in Europa, che sono anche la pietra angolare della nostra comunità europea. È stata anche in contatto con il ministro degli Esteri francese e si è discusso della situazione nei Balcani occidentali. Secondo lei, la Slovenia è attaccata al multilateralismo e desidera ritirarsi dai regimi autoritari e orientarsi verso una politica di cultura di pace.



Il despota Sasha

Mancanza di discussioni su come continuare i negoziati

Alle accuse dell’opposizione secondo cui la Slovenia non ha posizioni chiare sulla guerra in Ucraina, risponde: “Non ci sono scuse per l’aggressione russa in Ucraina e nessuno può opporsi al contributo della Slovenia alle sanzioni nelle organizzazioni internazionali. Considero la diversità di opinioni sull’Ucraina un’opportunità per esprimere la nostra opinione e cercare soluzioni comuni”.

Secondo lei, la Slovenia ha finora fornito all’Ucraina oltre tre milioni di euro in aiuti umanitari e quasi sette milioni di euro in aiuti militari. Vuole fare il massimo, soprattutto negli aiuti umanitari e allo sviluppo e nella ricostruzione postbellica dell’Ucraina.

“In tutti i paesi ci sono già dilemmi sull’efficacia delle sanzioni. Non c’è nemmeno un’analisi di come le sanzioni influiscano sull’economia europea. Dopo il nostro Consiglio strategico, ho suggerito di chiedere alla Commissione europea di fare una tale valutazione prima di avviare i colloqui sul settimo pacchetto di sanzioni”, detto e aggiunto: “A livello europeo mi sfugge un dibattito strategico più approfondito su come portare le due parti al tavolo delle trattative. Parliamo più o meno di sanzioni e delle loro conseguenze, e ancor meno di cosa accadrà quando tutte le possibilità delle sanzioni sono esaurite”.

Ucraina e Moldova hanno ottenuto lo status di paesi candidati all’adesione all’UE, ma resta aperta la questione dei Balcani occidentali, di importanza strategica per la Slovenia. “I Balcani occidentali sono già diventati un banco di prova per vari interessi geopolitici e rappresentano un rischio crescente per la sicurezza. In questo contesto, comprendo anche la rabbia, la delusione e la frustrazione del popolo dei Balcani occidentali perché l’UE perde credibilità nel processo di allargamento .” disse Tanja Fajon. “Se non dimostreremo il nostro impegno per i Balcani occidentali in modo chiaro e sincero, temo che la prossima guerra sarà nelle nostre immediate vicinanze”.

Per rafforzare le relazioni di buon vicinato

A luglio, Fajonova si recherà a Zagabria, dove incontrerà il ministro degli Affari esteri. Gordan Grlic Radman. “Lavorerò per rafforzare le relazioni di buon vicinato e risolvere le questioni in sospeso. È vero che la Slovenia non intende discostarsi dall’attuazione del lodo arbitrale. Tuttavia, voglio mettere sul tavolo le questioni aperte e vedere dove possono essere possibili progressi fatto.” lei dice.

La Slovenia vuole che la Croazia diventi membro dell’area Schengen il prima possibile, ma finora non c’è consenso tra i paesi. Ha inoltre sottolineato che le regole dell’area Schengen devono essere riviste in modo che possa funzionare normalmente e quindi espandersi.

Gli ambasciatori restano

Il ministero ha esaminato le procedure per l’ultima ondata di nomine di ambasciatori e ha parlato con tutte le persone coinvolte. Le procedure di nomina saranno portate a termine, in quanto non vi è alcuna base giuridica per ritirarle da nessuna parte. “Tuttavia, siamo riusciti a prolungare di un anno il mandato dell’ambasciatore a Mosca ea rimandare l’ambasciatore a Kiev. Il governo ha anche sostenuto di recente il richiamo dell’ambasciatore ad Ankara Primož Šelig per violazione della legge sugli affari esteri, “ lei ha aggiunto.

Tanja Fajon Autore: Saša Despot



Il despota Sasha

La cooperazione all’interno della coalizione è buona

“Dopo le prime tre settimane di lavoro nel governo, l’energia è molto buona. Siamo molto attivi nelle sessioni di governo, soprattutto perché siamo entrati in carica in una situazione difficile, energia cara, nel mezzo di una guerra in Ucraina. All’interno della coalizione è molto buono”, disse Tanja Fajon.

I tentativi dell’opposizione di bloccare l’espansione del governo sono stati descritti come “Tentativi brutti e inutili di bloccare il lavoro su obiettivi ambiziosi, dal cambiamento climatico al futuro intergenerazionale. Se si scopre che stiamo andando a un referendum legislativo a causa della legge del governo, seguiremo questa strada, ma alla fine sono certi che arriveremo a governi con 20 ministri come ci siamo prefissati”.

Si chiede quanta opposizione ci sia “intenzioni sincere di aiutare i cittadini e di rispettare veramente la volontà espressa dal popolo durante le elezioni. Abbiamo ricevuto un mandato di fare e di guidare con lo Stato. Se l’opposizione vuole bloccare tutto, farà soprattutto male a il popolo e lo Stato”, è convinta.

[email protected]

Gioachino Femia

"Appassionato di cultura pop. Esperto di caffè. Secchione di bacon. Comunicatore umile e irritante. Giocatore amichevole."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *