Il nipote del Re d’Italia vuole recuperare 300 milioni di euro di gioielli



Emanuele Filiberto all’evento moda 2015 a Firenze. Foto: EPA

Con l’abolizione della monarchia in Italia nel 1946, la dinastia reale dei Savoia perse non solo il suo potere ma anche la sua collezione di gioielli, diademi, orecchini, collane e spille. I beni di lusso, per un valore di centinaia di milioni di euro, sono stati poi conservati nel caveau della Banca d’Italia a Roma, riporta Yahoo News.

I discendenti della famiglia reale sono ovviamente seri, visto che martedì è avvenuto il primo incontro tra gli avvocati di Casa Savoia e i rappresentanti della banca. Allo stesso tempo, il britannico The Telegraph riferisce che la banca dovrebbe trasferire la richiesta dei Savoia e quindi la decisione sulla richiesta al governo italiano.

“L’Italia dovrebbe fare ciò che è giusto e doveroso e restituire i gioielli alla mia famiglia,‘ ha detto al Telegraph il principe 49enne Emanuele Filiberto di Savoia. “Non siamo interessati al valore monetario delle gemme. Più importanti sono il valore storico e sentimentale che hanno per la famiglia,” Ha aggiunto.

Il principe di Venezia trova “vergognoso” che l’Italia abbia ancora i gioielli reali. “L’Italia è probabilmente l’unica repubblica al mondo in cui la proprietà privata dell’ex famiglia reale è ancora nelle mani dello Stato. È vergognoso. Anche Russia e Jugoslavia restituirono proprietà private alle loro famiglie reali,‘ disse il principe.


Emanuele Filiberti durante la cerimonia nel 2017 alle spoglie del nonno, re Vittorio Emanuele III.  e sua moglie, la regina Elena (nata Petrović), furono trasportati dall'Egitto all'Italia.  Foto: EPA
Emanuele Filiberti durante la cerimonia nel 2017 alle spoglie del nonno, re Vittorio Emanuele III. e sua moglie, la regina Elena (nata Petrović), furono trasportati dall’Egitto all’Italia. Foto: EPA

Abolizione della monarchia nel 1946

Il principe Emanuele è il nipote dell’ultimo re d’Italia Vittorio Emanuele III.che sostenne e facilitò l’ascesa del leader fascista prima della seconda guerra mondiale Benito Mussolini. Dopo la guerra nel 1946, con un referendum, gli italiani appoggiarono l’instaurazione di una repubblica e l’abolizione della monarchia. Si conclude così il regno di 86 anni di Casa Savoia che, nel XIX secolo, svolse un ruolo importante nella il Risorgimento o l’unificazione di più paesi in un’unica Italia.

“Ho sempre sognato l’Italia”

Dopo l’abolizione della monarchia, l’Italia espulse la nobiltà e vietò ai discendenti maschi della famiglia reale di rientrare nel paese. Emanuele trascorse quindi i primi 30 anni della sua vita in esilio in Svizzera.

Nel 2002 scade il divieto di ingresso ed Emanuele torna in Italia. “Ho sempre sognato l’Italia. Ho sempre voluto tornare indietro perché mi sentivo italiana,“, ha detto il principe alla società di media Insider l’anno scorso nella sua residenza di Monte Carlo.


Emanuele Filiberti e sua moglie, l'attrice francese Clotilde Courau, dalla quale hanno due figlie.  Foto: EPA
Emanuele Filiberti e sua moglie, l’attrice francese Clotilde Courau, dalla quale hanno due figlie. Foto: EPA

La volontà di fondare un partito monarchico

Il principe non nasconde le sue ambizioni politiche. Nel 2018 ha rivelato al quotidiano Libero che stava valutando la creazione di un partito monarchico che sostenesse la restaurazione della monarchia in Italia.

Il 49enne è diventato una sorta di star televisiva in Italia partecipando a vari spettacoli.


Emanuele con i genitori, padre Vittorio Emanuele, unico discendente maschio dell'ultimo re, e madre Marina Doria, ex sciatrice nautica.  La famiglia è stata fotografata in Svizzera nel 1997, quando non era ancora autorizzata a viaggiare in Italia.  Foto: EPA
Emanuele con i genitori, padre Vittorio Emanuele, unico discendente maschio dell’ultimo re, e madre Marina Doria, ex sciatrice nautica. La famiglia è stata fotografata in Svizzera nel 1997, quando non era ancora autorizzata a viaggiare in Italia. Foto: EPA

Il principe di Venezia a Los Angeles

L’unico discendente maschio diretto della famiglia reale italiana si occupa principalmente di ristorazione. A Los Angeles ha dato il nome al primo ristorante nel suo stile modesto: il Principe di Venezia.

Il ristorante serve, avete indovinato, cucina italiana. “Tutto ciò che ho cercato di fare nella mia vita ha a che fare con la promozione della mia cultura e del mio paese. Il cibo è molto importante per l’Italia,“, ha detto a Insider in un’intervista lo scorso anno.

Gioachino Femia

"Appassionato di cultura pop. Esperto di caffè. Secchione di bacon. Comunicatore umile e irritante. Giocatore amichevole."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *