Il Presidente del Consiglio Draghi succederà al Presidente Mattarella?

A fine gennaio 2022 il presidente italiano 80enne Sergio Mattarella il suo mandato di sette anni è scaduto e il parlamento eleggerà il suo successore, che sarà eletto da 630 deputati e 315 senatori. Per Mattarella il periodo del “semestre bianco” è iniziato il 3 agosto, quando, secondo l’articolo 88 della Costituzione italiana, a sei mesi dalla scadenza del mandato, il presidente del Paese non può utilizzare un altro leve in sua presenza, vale a dire la destituzione di deputati e senatori e l’indizione di elezioni anticipate, se la situazione politica lo richiede.

Un esponente del Partito Comunista Italiano riuscì a inserire questa disposizione nella costituzione, redatta nel secondo dopoguerra, con l’obiettivo di prevenire un possibile “colpo di stato”, come ha spiegato il promotore. A quel tempo e durante i vent’anni di governo del fascismo, si temeva che un capo di stato autoritario sciogliesse il parlamento prima della fine del suo mandato e indisse elezioni anticipate per ingraziarsi la neoeletta assemblea. elezione.

Il Presidente del Consiglio non avrebbe problemi in Parlamento

La carica di Presidente del Paese è molto importante in Italia perché rappresenta l’unità nazionale e la massima autorità morale all’interno del sistema. Il suo ruolo di arbitro o moderatore politico è essenziale soprattutto in tempi di crisi o in periodi di governi deboli che non hanno un sostegno parlamentare sufficiente. Ex presidente Giorgio napoletano (2006-2015), ad esempio, ha portato il Paese fuori dal caos nel 2011 dopo aver lasciato Silvio Berlusconi della carica di Primo Ministro.

Mattarella, eletto nel 2015, ha affrontato quattro primi ministri, il che significa quattro crisi di governo in Italia. Tra il 2018 e il 2021 ha gestito abilmente la crisi politica creata dal Movimento 5 Stelle, dalla Lega e da Italia Viva. Nel febbraio di quest’anno ha ottenuto la formazione di un governo di unità nazionale con Mario Draghi in testa vi partecipano tutti i partiti parlamentari, ad eccezione della Fratellanza Italiana di estrema destra.

Per il ruolo o l’autorità del presidente del Paese, i partiti politici italiani si sforzano sempre di collocare i loro mariti nel Palazzo del Quirinale, dove vissero i re d’Italia tra il 1871 e il 1946. Sarà così anche questa volta. Tra le proposte, Mattarella dovrebbe correre per un altro mandato, che lui stesso ha respinto con decisione, dicendo di essere troppo vecchio e di volersi riposare. Il nome del presidente del Consiglio Mario Draghi circola più spesso nei partiti politici come possibile candidato per il futuro presidente italiano. Probabilmente otterrebbe il sostegno della maggioranza in parlamento, ma non senza problemi e ostacoli. Quando ha accettato l’invito di Mattarello ad assumere la carica di Presidente del Consiglio, ha sottolineato che non aveva intenzione di intraprendere la carriera politica e che avrebbe completato il suo mandato di capo del governo fino alla fine, ovvero fino alle regolari elezioni legislative previste per marzo 2023.


Chi sono gli altri possibili candidati?

Se Draghi accettasse la candidatura alla presidenza del Paese, dovrebbe dimettersi da presidente del Consiglio; il governo di unità nazionale, che si è dimostrato abbastanza efficace in questo periodo di crisi, crollerebbe, e non è detto che possa formarne uno nuovo, il che significherebbe elezioni anticipate. Per evitare tale scenario, ci sono addirittura proposte per prolungare il mandato di Mattarella in parlamento per un altro anno, fino alle regolari elezioni parlamentari.

Altri possibili candidati sono l’ex presidente della Corte costituzionale e l’attuale ministro della Giustizia Marta Cartabiaex sindaco di Roma Walter Veltroniex Primo Ministro e attuale Commissario Europeo Paolo Gentilonicosì come Silvio Berlusconi.




Gioachino Femia

"Appassionato di cultura pop. Esperto di caffè. Secchione di bacon. Comunicatore umile e irritante. Giocatore amichevole."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *