In Italia si trova uno dei bagni naturali più speciali con acqua calda curativa

La vista delle favolose Cascate del Mulino ha subito superato le tante ore trascorse ad esplorare le strade italiane! In mezzo al paesaggio collinare, le cascate gorgogliavano come una Disneyland naturale e si riversavano in pozze poco profonde simili a gigantesche conchiglie bianche. Solo pochi giri dopo, sono stato sorpreso di apprendere che non fanno pagare un biglietto d’ingresso per l’attrazione naturale di prima classe.

Il gioiello naturale del borgo toscano di Saturnia

L’acqua termale si fa largo tra i prati sotto forma di un leggero ruscello, poi precipita improvvisamente lungo il ripido pendio sotto forma di tante piccole cascate che riempiono le vasche di colore bianco. C’è abbastanza spazio per un comodo ammollo, di cui molti visitatori sono felici di approfittare. A volte è abbastanza difficile trovare una piscina vuota, ma pochi metri sopra la cascata ci sono piscine fluviali meno attraenti ma più appartate. L’acqua “puzza” di zolfo, ma con una temperatura di 37 gradi centigradi e un ricco contenuto di minerali, è ideale per l’irrigazione in tutte le stagioni. Vortica nelle piscine e crea così vasche idromassaggio naturali. Un piacere curativo unico e provato!

“La mia pelle è come nuova!” ha esclamato una donna italiana di mezza età. E sì, non ho sorriso. Anche io ne ho sentito gli effetti benefici. Potrei stare nel caldo abbraccio dell’acqua in un paesaggio da favola tutto il giorno e tutta la notte.

In estate il luogo è così affollato che è difficile trovare una piscina tutta per sé.  Foto: InnaFelker/Shutterstock

Prezzi accessibili

Cascate del Mulino, le Cascate del Mulino, è il nome di una creazione naturale poco distante dal paese di Saturnia. Lo troverete al centro della Maremma, situato nella parte sud-occidentale della Toscana, al confine con il Lazio. Le cascate non sono accompagnate dal comfort, in quanto non sono presenti sdraio, ombrelloni e cabine spogliatoio. Ma c’è un ristorante a pochi passi con prezzi sorprendentemente moderati.

Le sorgenti termali sotto il Monte Amiata erano già godute dagli antichi Etruschi e successivamente dai Romani. Nel medioevo dimenticarono queste cure e la gente lasciò la zona a causa della malaria. Le condizioni di vita sono diventate più tollerabili solo con il prosciugamento intensivo delle paludi nel secolo scorso e l’acqua termale ha ripreso ad attirare visitatori alcuni decenni fa.

I Tolmun sono come piscine naturali paradisiache.  Foto: Judr.  Martin Kovacs/Shutterstock

Dono del fulmine di Dio

Si dice che le sorgenti termali siano state create a seguito della battaglia tra Saturno e Giove. Ha lanciato dardi di fuoco e coloro che hanno mancato l’avversario hanno creato sorgenti termali sulla Terra. L’acqua e il fango ricchi di zolfo un tempo venivano usati dalla gente del posto principalmente per prendersi cura degli animali, ma solo negli ultimi decenni per coccole di prima classe. Puoi sfruttarlo al meglio al lussuoso Hotel Terme di Saturnia. L’hotel è quasi interamente circondato da una sorgente termale, imprigionata in una grande piscina dal fondo naturalmente preservato. Grazie alla facciata rivestita in pietra naturale, l’edificio basso si fonde perfettamente con l’ambiente. Grazie anche ai paesaggisti che hanno vegetato i dintorni. Oltre agli alberi ornamentali, ovunque crescono ulivi, vecchi di diversi secoli, proprio di fronte all’ingresso principale dell’hotel. Ne hanno così tanto sulla proprietà che hanno persino il loro olio spremuto a freddo! E il cibo di qualità è una parte importante della politica dell’hotel, oltre a sistemazioni di lusso e un centro esclusivo per coccolarsi. La maggior parte degli ingredienti necessari sono ottenuti dai contadini circostanti, alcuni sono coltivati ​​in proprio e il pesce fresco proviene dalla costa a meno di cento chilometri di distanza. Anche nella produzione di cosmetici di bellezza si affidano alle risorse naturali e dispongono di una propria linea skincare. In questo modo ottengono il massimo beneficio dai componenti curativi della sorgente termale. La loro preoccupazione principale è il benessere dei loro ospiti e la loro cordialità, quindi non hanno grandi aspettative sul guardaroba dei visitatori e gli accappatoi sono ammessi nel ristorante e nel bar della piscina.

Poiché l'acqua termale è estremamente calda, è possibile fare il bagno nella vasca naturale anche in autunno e in inverno, quando i turisti non sono molti.  Foto: aaltair/Shutterstock

Pittoresca Pitigliano medievale

La regione, meno sviluppata dal punto di vista turistico, ha anche diverse pittoresche sorgenti termali. Le città fortificate in collina attirano più attenzione. Nei pressi di Saturnia merita una sosta Pitigliano, borgo medievale fortificato dalla posizione unica su un ripido colle di tufo vulcanico. Le case sembrano uscire dritte dalla scogliera e, da lontano, sembrano inaccessibili in macchina. Ma sono comunque riuscito ad arrivare al parcheggio appena sotto le mura lungo la strada stretta e tortuosa. La città mi ha affascinato con le sue stradine fiancheggiate da palazzi e chiese. Quasi ogni casa ha un ristorante o un negozio. Vendono prodotti attraenti di artigiani e artisti locali. La parte vecchia del paese è completamente murata e l’ingresso principale conduce attraverso un cancello medievale in pietra.

Panorama del paese di Pitigliano, che da secoli sorge su un precipizio.  Foto: milosk50/Shutterstock

A causa della convivenza abbastanza pacifica dei cattolici con la comunità ebraica in un lontano passato, è anche chiamata Piccola Gerusalemme. Ma trovare una sinagoga oltre a molte chiese cattoliche richiede un bel po’ di fatica. La presenza ebraica di lunga data è più evidente nelle specialità gastronomiche locali. Uno dei più famosi è il bollo, una specie di pretzel dolce ricoperto di tuorlo d’uovo e cosparso di anice. Ancora più invitante è lo sfratto dolce, che ricorda un bastoncino con cui gli scagnozzi del castello picchiano gli ebrei. I pani di pasta dolce sono ripieni di arachidi, scorza d’arancia, miele e spezie.

Le strade di questa città medievale sono così idilliache da richiedere la fotografia.  Foto: spiriti/Shutterstock

Orvieto e Civita di Bagnoregio

Ci sono città dal design ancora più spettacolare in questa parte d’Italia. Una delle più grandi e che merita una visita per la sua attraente architettura gotica è Orvieto, e di gran lunga la più pittoresca è Civita di Bagnoregio. Bene, in realtà si tratta più del villaggio che, come alcuni film di fantascienza, è rimasto aggrappato alla cima di una ripida collina sopra la Valle del Tevere per più di un millennio. Le scogliere a strapiombo ti hanno protetto da molti assalitori, ma allo stesso tempo l’erosione minaccia le case più esposte. Viene anche chiamata città morente, perché vi abitano stabilmente solo una decina di abitanti. Qualcosa di unico è l’accesso tramite uno stretto ponte di cemento che collega il paese attraverso la valle al vicino comune di Bagnoregio. Il ponte ha sostituito il vecchio sentiero degli asini ed è destinato ai pedoni e ai pochi locali che possono raggiungere l’ingresso con un motorino o un piccolo veicolo per le consegne.

Civita di Bagnoregio la nebbia mattutina è tagliata fuori dal pazzo mondo come un castello tra le nuvole.  Foto: Ermess/Shutterstock

Il solo attraversamento del ponte è affascinante, con la vista del paese, che sembra miracolosamente aggrappato a un vulcanico solitario. Una breve salita e attraverso la porta medievale in pietra si entra nel mondo delle strade di pietra, delle case anguste, delle piazzette e dei punti panoramici sui bordi scoscesi dell’insediamento. Diversi ristoranti, alcuni negozi di souvenir, una chiesa, un piccolo hotel e un museo attendono molti visitatori. Il centro dell’azione è la piazza principale accanto alla chiesa. È più piacevole qui all’ombra di uno dei ristoranti. Durante i mesi estivi la piazza è animata da moltissimi eventi, uno dei più insoliti è sicuramente la corsa degli asini.

La città è raggiungibile solo a piedi o in motorino.  Foto: Nikiforov Alexander/Shutterstock

I giovani per lo più se ne sono andati, perché la vita senza auto oggi è inimmaginabile. Alcuni dei più antichi abitanti del villaggio persistono. Alla fine della settimana vengono raggiunti da ricchi proprietari di case ristrutturate trasformate in graziose seconde case. Sicuramente vale la pena raggiungere il villaggio prima dei gruppi di turisti. O per vivere il piccolo fascino della perla di pietra fino al tardo pomeriggio, quando la maggior parte dei visitatori giornalieri scompaiono attraverso le porte medievali.

Le strade di Civita di Bagnoregio sono puro romanticismo.  Foto: Canadastock/Shutterstock

Spiagge sabbiose con vista sull’Elba

La Maremma ha anche spiagge che costeggiano le coste meno popolate del Mar Tirreno. Sono stato attratto dalla sosta dalle lunghe spiagge sabbiose che circondano la penisola naturalmente incontaminata di Punta Ala. Alla sua estremità c’è un moderno porto turistico, e nelle vicinanze ci sono appartamenti per vacanze e hotel. Si nascondono nell’abbraccio dei pini, quindi te ne accorgi a malapena. Anche perché non sono grandi e offrono quindi un’atmosfera più intima. Un soggiorno al Gallia Palace Hotel è una scelta eccellente. Nel 1973 è diventato il primo hotel italiano a entrare a far parte della catena di ristoranti, ville e hotel Relais & Châteaux, nota per i suoi servizi di fascia alta e l’approccio personalizzato. La storia della fortunata famiglia d’albergo Gallia inizia un secolo fa. Carlo Gallia lavorò per diversi anni nei migliori hotel d’Europa, ma poi aprì il suo a Milano (Excelsior Gallia) e divenne rapidamente popolare tra l’élite. Oggi la quarta generazione si occupa degli hotel di famiglia.

Le lunghe spiagge sabbiose della penisola di Punta Ala sono perfette per passeggiate e bagni.  Foto: elesi/Shutterstock

Anche in questa parte d’Italia non è consentito costruire alberghi lungo la costa. Ma la spiaggia più vicina è a poche centinaia di metri. È bello arrivarci a piedi, ma puoi pensare a un trasporto alberghiero unico, con una Fiat decappottabile d’epoca! La spiaggia con la sabbia più comoda gode dell’ombra dei pini e della vista dell’isola d’Elba. Anche la vita estiva in questa parte della costa è relativamente tranquilla. Se sei tentato dallo shopping e dalla vivace vita notturna, dirigiti verso la città di Follonica, a una buona mezz’ora di auto. Per la variegata offerta è chiamata la Miami della Toscana.

Foto: Corina Daniela Obertas/Shutterstock

Dall’altra parte di Capo Punta Ala, vi invita la piccola località turistica di Castiglione della Pescaia. Anche qui rimarrete colpiti dall’atmosfera turistica, ma con un fascino diverso. La parte vecchia della città è incuneata sotto la fortezza medievale e le ripide strade sono fiancheggiate da case in pietra, in cui vi invitano numerosi ristoranti e negozi. Questi sono indebitamente più attraenti della vicina costa, che è stata trasformata in un porto turistico.

NOTIZIA
Troverai località termali e pittoresche cittadine del centro Italia in Maremma, a metà strada tra Pisa e Roma. Ci vorranno almeno otto ore dalla Slovenia centrale per coprire il percorso di 700 chilometri. Prenditi almeno qualche giorno per esplorare il paesaggio, poiché è vasto per un quarto della Slovenia!

Gioachino Femia

"Appassionato di cultura pop. Esperto di caffè. Secchione di bacon. Comunicatore umile e irritante. Giocatore amichevole."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *