“L’elogio di Pahor è stato il più commovente”

Dopo la partita di sabato tra Italia e Slovenia o una vera vacanza di basket nel centro di Trieste, abbiamo parlato con il manager di Jadran, Boris Vitez, che è stato il principale promotore di questo evento.

Puoi essere più che soddisfatto dell’accordo finale all’AŠZ Jadran, vero?

Certo. Se guardiamo a ciò che è stato fatto da febbraio, possiamo essere molto orgogliosi. Non solo io come società, ma l’intera comunità nazionale slovena in Italia. Quello che è successo a Trieste la scorsa settimana è straordinario per tutti noi.

Hai ricevuto molti complimenti. Quali ti hanno reso particolarmente felice prima o dopo la partita di sabato?

L’elogio del Presidente della Repubblica di Slovenia, Borut Pahor, dopo la partita è stato sicuramente molto importante e commovente. Mi ha ringraziato pubblicamente in privato per il regalo che abbiamo preparato per tutti gli sloveni dalla festa nazionale slovena.

La Basketball Association of Slovenia ha pubblicamente elogiato l’ospitalità di Jadran. Hai invitato la nazionale a cena al Dom Bistrò vicino a Briščiki. Cosa puoi dirci di questa sera?

È stata un’esperienza straordinaria. I giocatori di basket e gli altri membri della squadra nazionale si sono rilassati. È stato un momento di socializzazione, conversazione, canti e gioia. L’atmosfera era molto rilassata. La nazionale deve essere rispettata per ciò che ha fornito, dalla squadra all’organizzazione. Dal primo giorno, KZS ha supportato questo progetto. Loro e noi siamo estremamente orgogliosi di esserci riusciti insieme. Questo ci darà un nuovo slancio per il futuro e ancor più motivazione per future iniziative congiunte. Avere un partner come KZS è molto importante per noi. È una superpotenza mondiale del basket e, ultimo ma non meno importante, i nostri vicini.

Puoi leggere l’intera intervista nel Primorsky dnevnik di oggi (al centro)

Gioachino Femia

"Appassionato di cultura pop. Esperto di caffè. Secchione di bacon. Comunicatore umile e irritante. Giocatore amichevole."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *