L’ondata di caldo in Europa raggiunge la Polonia e la Grecia e si sposta verso est, provocando incendi

Giovedì una massiccia ondata di caldo che ha attanagliato parti dell’Europa si è spostata costantemente verso est, spingendo paesi tra cui Italia, Polonia e Slovenia a emettere la loro più alta ondata di caldo mai avvertita che i vigili del fuoco stavano combattendo gli incendi boschivi dopo tutto il continente.

L’ondata di caldo ha ucciso centinaia di persone e innescato incendi che hanno bruciato decine di migliaia di ettari in paesi tra cui Spagna, Portogallo e Francia dall’inizio del mese, quando le temperature hanno iniziato a salire nell’Europa meridionale. La Gran Bretagna e la Francia hanno registrato temperature record martedì.

L’ondata di caldo estremo fa parte di un modello globale di aumento delle temperature che scienziati e climatologi generalmente attribuiscono al cambiamento climatico indotto dall’uomo. Si prevede che il caldo coprirà la maggior parte della Cina entro la fine di agosto.

La Grecia, che ha trascorso due giorni a combattere un enorme incendio boschivo infuriato vicino ad Atene alimentato da forti venti, ha invitato l’Europa a fare di più per affrontare il cambiamento climatico.

“La crisi climatica è ora evidente in tutta Europa, ma è particolarmente intensa nella più ampia regione del Mediterraneo. Un cocktail di alte temperature, raffiche di vento e grave siccità portano inevitabilmente a incendi boschivi”, ha affermato giovedì il portavoce del governo Giannis Oikonomou.

“L’Europa deve intraprendere un’azione coordinata e rapida per evitare una crisi climatica”, ha detto Oikonomou ai giornalisti. “La soluzione non può essere data a livello nazionale, perché il problema è transnazionale e vasto”.

I vigili del fuoco greci hanno combattuto 390 incendi in una settimana, o circa 50-70 incendi al giorno, ha detto. I venti a un certo punto hanno raggiunto i 113 km/h (70 mph), secondo la stazione meteorologica di Penteli, vicino ad Atene, dove martedì è scoppiato l’incendio.

A causa del cambiamento climatico, gli incendi stanno diventando sempre più frequenti e intensi in molti paesi, diffondendo fumi che contengono gas nocivi, sostanze chimiche e particelle e possono essere dannosi per la salute.

Gioachino Femia

"Appassionato di cultura pop. Esperto di caffè. Secchione di bacon. Comunicatore umile e irritante. Giocatore amichevole."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *