Patrik Greblo o Uros Urbanija?

La televisione pubblica è stata senza regista con pieni poteri dall’agosto dello scorso anno. Ora ci sono due nuovi giornalisti al Ministero della Cultura e il governo ha presentato all’Assemblea nazionale un emendamento alla legge RTVS.

Solo gli abbonati ai piani Večer Plus e Večer Premium possono accedere alla libreria di contenuti popolari che selezioni facendo clic su ❤ nell’articolo.

Consentiamo l’ascolto vocale delle notizie solo per gli abbonati ai piani Večer Plus e Večer Premium.

Direttore Generale della Radio Television Slovenia (RTVS) Andrej Grah Whatmough proposto al consiglio di programma dell’istituto di dare il previo consenso ai due candidati iscritti alla carica di direttore della televisione slovena, al fine di Patrick Grebl come Uros Urbanija, è derivato dal materiale della sessione. Il consiglio del programma ne discuterà in una sessione straordinaria giovedì.

Peas Whatmough ha deciso di chiedere ai consulenti del programma l’accordo preventivo per nominare i due candidati, che soddisfano le condizioni dopo la nuova gara per il direttore di Television Slovenia (TVS), secondo la legge RTVS. Come ha spiegato, il consiglio può esprimere sostegno a entrambi i candidati, non solo a uno, perché si tratta di previo consenso. Il direttore generale della RTVS è poi colui che nomina il direttore, ha spiegato nella proposta di previo accordo.

Dal 22 giugno TVS è guidata da Greblo, direttore d’orchestra, compositore e arrangiatore di musica popolare. In precedenza è stato consigliere del direttore generale della RTVS per la musica. Tra il 2004 e il 2008 ha diretto il centro culturale e congressuale Auditorium di Portorose.

Due ex giornalisti al ministero della Cultura

kot Delò riportaarriva oggi al Ministero della Cultura Lenart J. Kucic in Dejan Stamfelj, entrambi ex giornalisti. La prima persona a partecipare al progetto Pod črta media negli ultimi cinque anni sarà un consulente per i media nell’ufficio del ministro. Aste Vrecko. Dejan Štamfelj, giornalista di lunga data per lo spettacolo Studio City, è entrato a far parte del team del Ministero della Cultura come consulente per le pubbliche relazioni.

Urbanija è nell’ultimo mandato di governo Janez Jansa guidato dall’ufficio comunicazioni del governo. In passato ha lavorato anche per MMC RTVS, Slovenian News Agency e Planet TV. Ufficiosamente, ha voluto due volte candidarsi per il posto di direttore della televisione pubblica, ma entrambe le volte avrebbe presentato una domanda incompleta.

RTVS ha annunciato una nuova gara per il direttore di TVS il 22 giugno, dopo che il consiglio del programma aveva respinto la candidatura del giornalista sportivo di RTVS il giorno prima Urbano Laurencic.

La televisione pubblica è rimasta senza un regista con pieni poteri dal suo licenziamento Natalia Gorscak da questo posto nell’agosto dello scorso anno.

Dopo la sessione straordinaria, il Consiglio di Programma proseguirà la sessione ordinaria, iniziata il 20 giugno e proseguita il giorno successivo. Tra le altre cose, affronterà le questioni relative al personale per i telegiornali e gli spettacoli televisivi Studio City e Panorama.

Al posto del programma e del consiglio di sorveglianza, è previsto il consiglio di RTVS

Il governo ha presentato all’Assemblea nazionale una proposta di modifica della legge RTVS e ha proposto una procedura d’urgenza per prevenire conseguenze difficili da correggere. Invece dell’attuale programma e consiglio di sorveglianza, la gestione, l’amministrazione e la supervisione sarebbero affidate a un unico consiglio di RTVS, che comprenderebbe 17 rappresentanti dei dipendenti e della società civile.
Come hanno spiegato nella proposta di emendamento, pubblicata sul sito web dell’Assemblea nazionale, vogliono garantire l’autonomia istituzionale e programmatica di Radiotelevizija Slovenija (RTVS) e proteggere l’indipendenza giornalistica o editoriale attraverso i cambiamenti. Secondo il Governo, gli eventi degli ultimi due anni, culminati in uno sciopero dei sindacati giornalistici, hanno dimostrato che la normativa vigente consente condizioni in cui la libertà può essere limitata o la possibilità di influenzare le decisioni di programmazione della RTVS può essere influenzato.
Tra le principali soluzioni, l’emendamento del governo all’emendamento stabilisce nuove norme in materia di gestione, amministrazione e vigilanza dell’emittente di servizio pubblico RTVS. Al posto del programma esistente e del consiglio di sorveglianza, l’emendamento alla legge introduce un unico organo di gestione e controllo: il consiglio di RTVS, che, secondo il governo, garantirà un lavoro più efficiente e razionale ed eviterà la possibilità di blocchi nell’adozione di i documenti più importanti.
Secondo la proposta del governo, il consiglio di RTVS sarebbe composto da 17 membri e la società pubblica o civile e i dipendenti avrebbero un ruolo decisivo nella loro nomina. Quest’ultimo eleggerà tra le proprie fila cinque membri, quattro a suffragio diretto e uno nominato dal consiglio operaio.
I restanti 12 membri saranno nominati dalle comunità nazionali italiana e ungherese, dal Presidente, dall’Assemblea nazionale, dall’Accademia slovena delle scienze e delle arti, dal Consiglio nazionale della cultura, dal Comitato olimpico sloveno, dal Commissario per l’informazione, dal Consiglio per lo sviluppo sostenibile Sviluppo e protezione dell’ambiente e diritti del difensore civico.
Secondo il governo, l’influenza dei partiti politici sarà notevolmente ridotta rispetto alle normative vigenti, perché l’Assemblea nazionale nominerà solo due membri, esperti nel campo dell’istruzione o della cultura e dei media, su proposta dell’istruzione, comitati scientifici, sportivi e giovanili o culturali. Limitando la possibilità di riconferma ad un massimo di un mandato consecutivo, intendono anche ridurre la possibilità di conflitti di interesse o pratiche corruttive.
Inoltre, la legge, quale organo consultivo del consiglio di RTVS, prevede l’istituzione di un comitato finanziario, che sarà composto da cinque membri, professionalmente qualificati e con esperienza professionale in campo finanziario. I membri del Comitato Finanze saranno nominati dal Consiglio di RTVS su proposta dei Ministeri delle Finanze e della Cultura, del Consiglio dei Lavoratori di RTVS, dell’Associazione dei Supervisori della Slovenia e dell’Associazione dei Ragionieri, Finanzieri e Revisori dei Conti della Slovenia.
Con la modifica della legge, il governo intende sostituire l’attuale carica di direttore generale con un consiglio di amministrazione di quattro membri, che integrerebbe le funzioni di gestione del servizio pubblico di media, che rappresenta un modello gestionale più adeguato alla luce dei cambiamenti tecnologici . e i media e l’ambiente di comunicazione esistenti.
Aumentando la partecipazione dei dipendenti agli organi dell’istituto, in particolare inserendo il direttore del lavoro nell’amministrazione, consentirebbe l’esercizio del diritto di codecisione dei dipendenti garantito dalla Costituzione, non adeguatamente disciplinato nel sistema con più di 2.000 dipendenti.
A un livello dirigenziale inferiore, la posizione di Direttore dei Contenuti Digitali si aggiungerà alle preesistenti cariche di Direttori della Radiotelevisione, consentendo un posizionamento più equo e tempestivo delle attività dei nuovi media, che occupano una posizione subordinata nell’attuale sistema.
Il disegno di legge prevede anche una nuova procedura per la nomina dei redattori, che richiede la preventiva consultazione dei membri della redazione in caso di perdita della fiducia della redazione, che deve essere approvata dal consiglio di RTVS.
Il disegno di legge ridefinisce anche la competenza giuridica del Consiglio di RTVS in merito alla nomina del Garante dei telespettatori e degli ascoltatori e alla gestione delle sue segnalazioni, finora non sufficientemente determinate solo dallo Statuto, degradando così ingiustificatamente l’istituto del difensore civico che il mediatore non dispone dell’autorità appropriata.
La proposta traccia anche una chiara linea di demarcazione tra le responsabilità del consiglio di RTVS e le responsabilità dei redattori nell’area della preparazione del programma. Il Consiglio non potrà intervenire in singole parti del programma prima della pubblicazione, può discutere solo parti del programma pubblicate sulla base delle relazioni del Mediatore, che includono la risposta dei redattori e degli autori. In tal modo, vogliono mostrare rispetto per il principio dell’autonomia giornalistica, che è già sancito dalla legge quadro sui media.

Gioachino Femia

"Appassionato di cultura pop. Esperto di caffè. Secchione di bacon. Comunicatore umile e irritante. Giocatore amichevole."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *