Presidente del Consiglio sugli emendamenti alla legge sulla radiotelevisione: l’agonia deve finire, la legge è il primo passo



Foto: SOJ RTV SLO

Al posto dell’attuale consiglio di programmazione e supervisione, la direzione, la gestione e il controllo sarebbero affidati al consiglio unificato di RTV SLO, che comprenderebbe 17 rappresentanti dei dipendenti e della società civile.

Come hanno spiegato nella proposta di emendamento pubblicata sul sito web della DZ, vogliono garantire l’autonomia istituzionale e programmatica di RTV SLO e tutelare l’indipendenza giornalistica ed editoriale. Secondo il governo, gli eventi degli ultimi due anni, culminati in uno sciopero dei sindacati dei giornalisti, hanno dimostrato che il sistema giuridico esistente consente condizioni in cui la libertà può essere limitata o la politica prevalente può influenzare le decisioni di programmazione di RTV. Slovenia.

“RTV è un’istituzione pubblica di particolare importanza culturale e politica. L’attuale legge del 2005 consente l’influenza e l’ingerenza politica nelle attività editoriali e sulle attività di RTV. La proposta di legge, che abbiamo adottato oggi, depoliticizza RTV. Ciò è necessario perché abbiamo visto e sentito di recente qual è la situazione in RTV, che ha portato anche al recente sciopero.Il pubblico in generale e il pubblico professionale hanno anche chiesto che la situazione in RTV sia regolamentata. ha spiegato il ministro della Cultura durante la conferenza stampa Asta Vrecko.

Un nuovo modo di guidare

Tra le principali soluzioni, la proposta di modifica del governo prevede nuove regole per la gestione, gestione e controllo di RTV. Al posto dell’attuale consiglio di programma e controllo, l’emendamento alla legge introduce un organo di gestione e controllo unificato – il Consiglio di RTV SLO, che, secondo il governo, garantirà un lavoro più efficiente e razionale ed eviterà la possibilità di blocchi nel adozione dei documenti più importanti.

Il consiglio di RTV Slovenia avrebbe 17 membri

Secondo la proposta del governo, il consiglio di amministrazione di RTV SLO sarebbe composto da 17 membri e il pubblico, la società civile ei dipendenti avrebbero un ruolo decisivo nella loro nomina. Sceglieranno cinque membri tra i loro ranghi, quattro a suffragio diretto e uno sarà nominato dal consiglio operaio.

I restanti 12 membri saranno nominati sulla base di bandi pubblici dalle comunità nazionali italiana e ungherese, dal Presidente della Repubblica, dall’Assemblea nazionale, dall’Accademia slovena delle scienze e delle arti, dal Consiglio nazionale della cultura, dal Comitato olimpico della Slovenia , Commissario per l’informazione, Consiglio per lo sviluppo sostenibile e la protezione ambientale e per i diritti del mediatore.

Secondo il governo, rispetto al sistema esistente, l’influenza della politica partigiana sarà notevolmente ridotta, poiché l’Assemblea nazionale nominerà solo due membri, esperti nel campo dell’istruzione e dell’istruzione, o della cultura e dei media, su proposta di i Comitati Istruzione, Scienza, Sport e Gioventù o Cultura. Limitando la possibilità di reiterazione del termine ad un massimo di un mandato consecutivo, intendono anche ridurre la possibilità di conflitto di interessi o attività corruttiva.

“La politica va indietro”

“La politica si ritira da questo. È necessario, affinché RTV come istituzione pubblica possa assolvere al suo scopo, affinché giornalisti, editori ed editori possano svolgere il loro lavoro indisturbati e in autonomia. Essendo la situazione estremamente allarmante, abbiamo presentato la legge ai sensi del procedura d’urgenza, il che significa che potrebbe essere discussa e adottata in Assemblea nazionale entro l’estate.Questa legge è un aggiornamento della legge già presentata dai deputati, si tratta di iniziative della società civile che sono state proposte anche prima della modifica governo e segnalano l’inadeguatezza della precedente legge, che tiene conto anche delle proposte del sindacato di RTV, più volte presentate in pubblico. Detta borsa.

Colomba: La situazione deve essere risolta immediatamente

primo ministro Roberto Colomba Ha aggiunto: “Non solo la coalizione, ma anche una società progressista e libera su questo è chiaro: l’agonia di RTV deve finire, questa legge è il primo passo. Se c’è un ritardo illegittimo dell’opposizione e l’introduzione di iniziative referendarie, lo faremo dobbiamo considerare altre misure in questo periodo , sempre tutto prima dell’estate, con cui si taglierebbe un tale nodo La coalizione è completamente unita che è necessario iniziare a risolvere immediatamente la situazione in RTV Non permetteremo a coloro che hanno chiamato l’attuale mondo dei programmi, che di fatto ha abusato della fiducia del fondatore – l’Assemblea nazionale, potrebbe continuare a distruggere la televisione pubblica senza ostacoli. La legge è un passo sistematico in questa direzione. “La legge è un movimento di depoliticizzazione chiaro e trasparente. È un messaggio a tutti i dipendenti di RTV e a tutti gli utenti che la coalizione è determinata a superare la situazione”.

In qualità di organo consultivo del Consiglio di RTV SLO, la legge prevede l’introduzione di un comitato finanziario, che sarà composto da cinque membri, professionalmente qualificati e con esperienza professionale in campo finanziario. I membri del Comitato Finanze saranno nominati dal Consiglio di RTV SLO su proposta dei Ministeri delle Finanze e della Cultura, del Consiglio dei Lavoratori di RTV SLO, dell’Associazione dei Supervisori Sloveni e dell’Associazione dei Ragionieri, Finanzieri e Revisori dei Conti della Slovenia.

Con la modifica della legge, il governo intende sostituire l’attuale posizione di amministratore delegato con un consiglio di quattro membri, che incorporerebbe le funzioni guida dei media di servizio pubblico, che ritengono un modello di gestione più appropriato. tenendo conto dei cambiamenti tecnologici e dell’attuale ambiente dei media e della comunicazione.

Secondo loro, aumentando la partecipazione dei lavoratori agli organi dell’ente, in particolare inserendo il direttore del lavoro nell’amministrazione, consentirebbe l’esercizio del diritto di codecisione dei dipendenti garantito dalla Costituzione, che ha non è stata adeguatamente regolata nel sistema con oltre 2.000 dipendenti fino ad oggi.

A un livello gerarchico inferiore, la posizione di direttore dei contenuti digitali si aggiungerà alle posizioni esistenti di direttori di radiotelevisione, il che consentirà una posizione più eguale e più adeguata nel tempo per le attività dei nuovi media, che sono in posizione subordinata nel sistema attuale.

Il governo per l’adozione della legge su RTV il prima possibile

Nomina dei redattori responsabili

Il disegno di legge prevede inoltre una nuova procedura per la nomina dei redattori, che prevede la preventiva consultazione dei membri della redazione, maggiore sarà anche l’importanza del parere positivo della redazione in merito alla nomina dei redattori, e stabilisce dei vincoli sul licenziamento dei redattori, che non può avvenire per volontà dell’amministrazione, ma solo se perdono la fiducia dei redattori, cosa che il consiglio di RTV SLO deve accettare.

Il disegno di legge ristabilisce inoltre l’autorità statutaria del Consiglio di RTV SLO in relazione alla nomina del difensore civico per i diritti dei telespettatori e degli ascoltatori e alla revisione delle sue segnalazioni, che fino ad ora è stata determinata in modo adeguato solo dallo statuto, con la quale l’istituto del difensore civico è stato ingiustificatamente degradato nei confronti degli organi di RTV SLO, di conseguenza le segnalazioni del difensore civico non avevano però sufficiente validità.

La proposta stabilisce inoltre una netta separazione tra le responsabilità del consiglio di amministrazione di RTV SLO e le responsabilità dei redattori nell’area della preparazione del programma. Il consiglio non potrà interferire con le singole parti del programma prima della pubblicazione, potrà discutere solo le parti pubblicate del programma sulla base delle relazioni del mediatore, che includono la risposta degli editori e degli autori responsabili. Con ciò vogliono dimostrare rispetto per il principio dell’autonomia giornalistica, che è già definito nella legge quadro sui media.

Kučić è il nuovo consigliere del ministro

Nell’ufficio del ministro è arrivato anche un nuovo consigliere Lenart J. Kucic, ricercatore multimediale, relatore e conduttore di podcast. Il Ministro ha sottolineato di aver lavorato per molti anni come giornalista investigativo ed è uno dei massimi esperti nel campo dei media e del diritto dei media in Europa e non solo, nonché per i media che devono affrontare il cambiamento tecnologico. In questo modo potrà anche utilizzare con successo le sue conoscenze nel Ministero della Cultura, che, per il momento, rimane senza un chief media officer. Questo dovrebbe essere nominato durante l’estate, ha annunciato il ministro.

Gioachino Femia

"Appassionato di cultura pop. Esperto di caffè. Secchione di bacon. Comunicatore umile e irritante. Giocatore amichevole."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *