Primož Roglič ha iniziato la nuova stagione con due gare in Francia

Non vedevamo l’ora della nuova stagione ciclistica World Tour, in cui sette sloveni gareggiano quest’anno: Tadej Pogacar, Jan Polanc (EMIRATI ARABI UNITI), Primoz Roglic (Jumbo Visma), Matej Mohoric, Jan Tratnik, Domen Novak (Bahrain vittorioso), Luca Mezgec (Scambio bici Jayco).

La nuova stagione ciclistica nella categoria World Tour è iniziata con una gara negli Emirati Arabi Uniti, alla quale ha partecipato e vinto Tadej Pogacar. Primoz Roglic tuttavia, ha iniziato la sua stagione in due gare in Francia, che non contano per la classifica del World Tour.

Roglič ha iniziato questa stagione sabato alla gara Faun-Ardèche in Francia. La corsa da Guilherand a Granges era lunga 168 chilometri. È una classica di arrampicata con un’altezza di 3.161 metri. Gli occhi del pubblico ciclistico erano perlopiù puntati su Roglič, attualmente il terzo miglior ciclista nella classifica della UCI World Cycling Federation.

Le speculazioni sulla forma in cui si trovava per la prima gara si sono concluse sulla prima collina. Primož Roglič è sempre stato in prima linea e sembrava già che avrebbe iniziato la stagione con una vittoria, ma le idee tattiche dell’allenatore Robert Wagner dal team Jumbo Visma, cambiato a fine gara dopo che l’unico attacco di Roglic in gara è stato ben difeso dal francese Julien Alaphilippe. La risposta di Alaphilipp è stata forte, durante la discesa si è formato un gruppo di dieci corridori, compreso Roglič.

Quando il gruppo si è riorganizzato, la seconda risorsa di Jumbo è andata all’attacco Sepp Kuss. Si forma rapidamente un trio, nel quale ci sono gli americani Sepp Kuss (Jumbo Visma) e Brandon McNulty (Squadra degli Emirati Arabi Uniti) e un belga Maurizio Vansevenant (Team del vinile Alpha Quick-Step). Il trio ha rapidamente colto le fughe all’inizio della gara e ha continuato da solo, con un buon mezzo minuto di vantaggio sul gruppo principale, che comprendeva anche Roglič.

Sull’ultima collina, McNullty ha attaccato duramente e non vedeva l’ora di vincere in solitaria. Vansevenant e Kuss hanno gareggiato per il secondo posto e Kuss ha ottenuto il terzo posto al traguardo. Roglič è rimasto nel corpo principale solo per via della versione tattica. Ha concluso la gara al 26° posto. Un altro sloveno in gara ha concluso dieci posizioni dietro di lui Jan Polan (EMIRATI ARABI UNITI).

Domenica, Roglič ha iniziato la sua seconda gara dell’anno. La gara del Drome Classic era lunga 191 chilometri, con 2.371 metri di dislivello. La Drome Classic è una dura gara di un giorno che è in calendario solo per la decima volta. Si svolge a Etoile-sur-Rhône e dintorni. Abbiamo potuto vedere ancora una volta che Roglič è estremamente in forma all’inizio della stagione, ma anche Robert Wagner aveva piani più grandi per il danese questa volta. Jonas Wingegaard. Ricorda Giona; è il sorprendente avversario di Tadej Pogacar nella gara dell’anno scorso in Francia. Era il dado più duro di Pogačar in gara. È stato battuto solo alla fine delle tre settimane di gara, ma Jonas Vingaard ha comunque ottenuto un secondo posto davvero sorprendente nel finale del Tour.

Vingeard era anche agli occhi di tutti gli appassionati di ciclismo, perché dal suo secondo posto al Tour non lo abbiamo quasi mai visto in gara. Questa volta si è mostrato in una forma eccezionale. Con un altro giovanissimo e talentuoso spagnolo Juan Ayus è scappato sull’ultima salita della gara. Insieme si sono rapidamente allontanati dal corpo principale con Roglič in testa. Alla fine della gara, Vingaard ha battuto magistralmente Ayus e ha tagliato il traguardo da solo con le mani alzate. Ayuso ha poi ceduto e Vingaard è arrivato alla sesta vittoria della sua carriera e la prima dell’anno. Alla fine, gli spagnoli catturarono anche i francesi Guglielmo Martino (Cofidis) e Benoit Cosnefroy (Ag2r Citroen), ma sono tre secondi dietro al 25enne danese. Primož Roglič è rimasto indietro e ha preso il 28° posto. Un altro sloveno in gara ha concluso otto posizioni davanti a lui Jan Polan (squadra degli Emirati Arabi Uniti).

Polanc è arrivato a 44 secondi dal vincitore. Roglič è arrivato in ritardo a 53 anni. Roglič ora ha qualche giorno di riposo e il 6 marzo partirà la prestigiosa Parigi-Nizza. Ricorda, l’anno scorso in questa gara è caduto nell’ultima tappa e ha perso la maglia gialla di leader assoluto.

L’UCI World Tour 2022 è una serie di gare che comprende trentatré eventi di ciclismo su strada per tutta la stagione ciclistica 2022. La serie è iniziata con la corsa a tappe di apertura intorno agli Emirati Arabi Uniti il ​​20 febbraio e si concluderà con l’ultima corsa a tappe della Tour. dal Guangxi il 18 ottobre.

Emirati Arabi Uniti, tour degli Emirati Arabi Uniti, 20-26. febbraio
Belgio, Omloop Het Nieuwsblad, 26 febbraio
Italia, Strade Bianche, 5 marzo
Francia, Parigi-Nizza, 6-13 marzo
Italia, Tirreno–Adriatico, 7-13 marzo

Italia, Milano-Sanremo, 19 marzo
Spagna, Volta a Catalunya, 21-27 marzo
Belgio, Classic Bruges–De Panne, 23 marzo
Belgio, E3 Saxo Bank Classic, 25 marzo

Belgio, Gent–Wevelgem, 27 marzo
Belgio, porta dei nani Vlaanderen, 30 marzo
Belgio, Giro delle Fiandre, 3 aprile
Spagna, Giro dei Paesi Baschi, 4–9. aprile

Paesi Bassi, Amstel Gold Race, 10 aprile
Francia, Parigi-Roubaix, 17 aprile
Belgio, La Fleche Wallonne, 20 aprile
Belgio, Liegi–Bastogne–Liegi, 24 aprile

Svizzera, Tour de Romandie, 26 aprile – 1 maggio
Germania, Eschborn–Francoforte, 1 maggio
Italia, Giro d’Italia, 6–29. Spostare
Francia, Criterium du Dauphine, 5–12. Giugno

Svizzera, Giro della Svizzera, 13–19. Giugno
Francia, Tour de France, 1–24. Luglio
Spagna, Clásica de San Sebastián, 30 luglio
Polonia, Giro di Polonia, 30 luglio – 5 agosto

Belgio/non straniero, Benelux Tour, 7-13. agosto
Spagna, Vuelta a España, 19 agosto – 11 settembre
Germania, Hamburg Cyclassics, 21 agosto
Francia, Bretagna Classic West – Francia, 28 agosto

Gran Premio ciclistico canadese del Quebec, 9 settembre
Gran Premio ciclistico canadese di Montreal, 11 settembre
Italia, Il Lombardia, 8 ottobre
Cina, Torre del Guangxi, 13-18. ottobre

Gioachino Femia

"Appassionato di cultura pop. Esperto di caffè. Secchione di bacon. Comunicatore umile e irritante. Giocatore amichevole."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *