Ragazza afgana ha ottenuto asilo in Italia

Charbat Gula, cresciuta tanto tempo fa, ma che conosciamo ancora da ragazza afgana, ha trovato un nuovo rifugio, questa volta in Italia. È stato adottato in un paese vicino come parte di un piano di evacuazione per gli afgani dopo che il loro paese è stato conquistato dai talebani in seguito alla partenza delle forze americane.

Una ragazza dagli indimenticabili occhi verdi, che indossa una sciarpa arancione a brandelli, diventata famosa nel 1985 quando il suo ritratto è stato scattato da un fotoreporter in tempo di guerra Steve McCurry – pubblicato sulla copertina della rivista National Geographic con una firma Occhi timorosi parlano delle paure dei profughi afgani. La foto è stata scattata un anno prima in un campo profughi in Pakistan, dove lei e la sua famiglia si erano rifugiate durante l’occupazione sovietica dell’Afghanistan.

Steve McCurry l’ha filmata nella scuola informale lì, che il rifugiato pashtun di otto anni ha frequentato anche con altre ragazze. Non ha scritto il suo nome, ed è rimasto così anche se il mondo occidentale ha ammirato per anni il suo ritratto e lo ha persino paragonato a Monna Lisa Leonardo De Vinci. È diventata un simbolo delle donne rifugiate intrappolate in campi remoti, un simbolo dell’Afghanistan. Il fotografo ha anche raggiunto la fama mondiale, il suo ritratto è stato considerato uno dei migliori di tutti i tempi. Ma non sapevamo ancora chi fosse quella ragazza.

Cerco ragazza afgana

Non è stato fino al 2002, quasi vent’anni dopo lo scatto della foto, che McCurry l’ha trovata dopo diversi tentativi falliti e abbiamo appreso che la ragazza si chiamava Sharbat Gula. In quel momento, in un’intervista, raccontò anche come si sentiva davvero in quel momento: arrabbiata, come si legge nell’articolo della rivista Filo di due anni fa. Fino ad allora, non aveva visto la foto che l’ha resa famosa. È la sua storia National Geographic mostrato anche in un film documentario Cerca la ragazza afgana.

Nel 2016, dopo essere stata espulsa dal Pakistan, Sharbat Gula ha ottenuto un appartamento a Kabul. FOTO: Stringer Reuters

È tornata sui media globali nel 2016, già accompagnata dalla didascalia “il rifugiato più famoso di tutti i tempi”. È tornata in Afghanistan quell’anno. In realtà è stata espulsa dal Pakistan per aver presentato documenti di identità falsi. Da quando si sono dichiarate colpevoli, le autorità pakistane l’hanno liberata ed espulso lei ei suoi figli dal paese; marito è morto di malattia. L’Afghanistan era già un paese straniero per loro all’epoca e la sua persecuzione divenne un simbolo del trattamento crudele dei rifugiati afgani in Pakistan. Ma poco dopo la sua deportazione, fu accettata dall’allora presidente del Paese. Ashraf Ghani, la salutò e le porse le chiavi dell’appartamento cerimoniale.

Eppure non ha avuto un lieto fine in Afghanistan; due giorni fa il governo italiano ha annunciato di aver accettato Sharbat Gula e di organizzare tutto per il suo inserimento nella vita in Italia.

Gioachino Femia

"Appassionato di cultura pop. Esperto di caffè. Secchione di bacon. Comunicatore umile e irritante. Giocatore amichevole."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *