Rodeo da Note italiane – Opera

una donna italiana Sofia Goggia ha confermato il primato nella discesa libera femminile di Coppa del Mondo vincendo nella sua città natale, Cortina d’Ampezzo. Con un tempo di 1:09.68 minuti, guida l’austriaca di 20 centesimi di secondo Ramona Siebenhofer al secondo posto e al terzo di 0,26 secondi Estere Ledecka della Repubblica Ceca. La migliore donna slovena Ilka Stuhec aveva 11 anni. Štuhčeva ha perso troppo tempo sulla pista dell’Olympia delle Tofane, dove è salita sul podio quattro volte in carriera, anche al vertice in condizioni di vento, per poter mettere a repentaglio i leader. Ha tagliato il traguardo con 0,98 secondi di ritardo.

Il doppio campione del mondo 2017 e 2019 non è stato il più felice dopo la gara. “Non posso essere completamente soddisfatto di quanto mostrato. Soprattutto nell’ultima parte del percorso, dall’ultimo intertempo fino al traguardo, ho perso un bel po’ di tempo. Ho pescato lì con la lenza tutta la settimana e l’ho fatto “Non va bene neanche oggi”, ha detto. La donna di Maribor continuerà a disegnare dall’alto, perché ha avuto non poche belle sensazioni, buoni trucchi.

I dislivelli del percorso, accorciati dagli organizzatori a causa del forte vento, sono stati meno significativi del solito. Ma questo non ha impedito a Goggia di confermare il suo dominio nella disciplina per la quarta volta in questa stagione. Nella parte alta, in condizioni difficili, la 29enne ha affrontato raffiche di vento senza compromessi, che hanno portato via lo strato superiore di neve, ha preso l’equilibrio in modo acrobatico alcune volte nel suo stile, ma si è staccata “rodeo” sciando più velocemente dei loro concorrenti.

Sofia Goggia non ha lasciato la natia Cortina alle rivali. FOTO: Jure Makovec/AFP

Non poteva nemmeno camminare

“Ho fatto una gara incredibile, il vento mi ha gettato tra i due, non sapevo nemmeno come mi sarei tenuta”, ha detto l’italiana, che ha vinto ogni run che ha sciato finora. stagione. La scorsa settimana a Zauchensee, con orrore di tutti i suoi fan, è atterrata nella rete di sicurezza dopo aver perso il controllo ad alta velocità, ma senza gravi lesioni. Ne ha parlato anche Goggia, dicendo che le conseguenze della caduta non sono state innocenti. “Una settimana difficile è alle spalle. Andavo in terapia tutti i giorni dalle sette del mattino alle sette di sera perché non riuscivo nemmeno a camminare”, ha detto.

Nonostante la sua guida più pulita, Siebenhofer ha dovuto ammettere la superiorità dell’italiana, che poi non poteva essere minacciata nemmeno da Ledecka. Ha costruito quasi tutto il suo arretrato all’estremità superiore della pista. Il ceco ha estromesso la Svizzera dal podio Corinne Suter, che è anche al quarto posto nella classifica sciistica. Siebenhofer, che l’ha superata, è al secondo posto dopo la partita di oggi Breezy Johnson gli Stati Uniti. Dopo un’altra caduta in allenamento, ha saltato la seconda corsa consecutiva. La Slovenia aveva un altro rappresentante esperto a Cortina Marusa Ferk Saioni ha vinto il 42° posto.

Gioachino Femia

"Appassionato di cultura pop. Esperto di caffè. Secchione di bacon. Comunicatore umile e irritante. Giocatore amichevole."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *