Un tappo di spumante ha mandato in ospedale lo storico eritreo



Lo sfortunato eritreo si è sparato in un occhio con un tappo di spumante. Foto: Reuters

Negli ultimi metri, il 22enne africano e primo favorito della tappa era in lotta per la vittoria Matteo van der Poel. L’eritreo è andato meglio, regalando al suo paese la prima vittoria nelle più grandi gare di tre settimane. Con questo, è diventato il sesto più giovane vincitore di tappa del Giro.

Girmay dopo uno strano incidente in ospedale
Girmay ha dovuto essere ricoverato in ospedale dopo uno strano incidente sul palco dei vincitori, riporta l’agenzia di stampa francese AFP. Girmaya ha colpito un tappo in un occhio dopo aver aperto goffamente lo champagne. Il sequel di Gira è in discussione per il 22enne.

Subito dopo la premiazione è stato portato in ambulanza in un vicino ospedale, dove trascorrerà la notte, poi mercoledì mattina il team Intermarche-Wanty-Gobert, dopo aver consultato i medici, deciderà di continuare il Gira.

Per Girmay, il rappresentante più importante della giovane ondata di ciclisti africani, è stata l’ottava vittoria in carriera, la seconda delle World Series, dopo aver vinto la prestigiosa classica di un giorno Ghent-Wevelgem a fine marzo. Allo stesso tempo, è diventato il primo nero africano a vincere una tappa nei più grandi eventi di più settimane.

La maglia rosa di leader è stata tenuta dallo spagnolo Juan Pedro Lopezche ha tagliato il traguardo con i migliori.

Gli ultimi 15 chilometri sono stati particolarmente esaltanti dopo che il terreno per l’attacco di van der Poel è stato preparato dal team Alpecin-Fenix. L’olandese ha attaccato cinque chilometri prima della porta, ma senza successo. Nel frattempo ha coperto solo numerosi attacchi di altri piloti, compresi i favoriti per la vittoria assoluta.

Nello sprint, lui e Girmay sono stati quindi favoriti e van der Poel ha esaurito la potenza circa 50 m prima del traguardo. Si è poi inchinato al più forte eritreo con il pollice in alto prima di tagliare il traguardo.

Incredibile. Fin dall’inizio, abbiamo avuto un buon controllo sulla posizione nella scena. Non ho parole per il loro duro lavoro. Sono davvero eccitato. Per me ha lavorato anche Domenico, ciclista di classifica generale (Pozzovivo, op. Cit. STA). Mi ha detto di seguirlo negli ultimi 600 metri, ha fatto un buon lavoro,“, ha detto il 22enne agli organizzatori dopo la tappa.


Biniam Girmay è il primo nero africano a vincere una tappa in una delle tre più grandi gare di tre settimane.  Foto: Reuters
Biniam Girmay è il primo nero africano a vincere una tappa in una delle tre più grandi gare di tre settimane. Foto: Reuters

“Scerto, sono a conoscenza della storia. Sapevamo fin dall’inizio della Gira che avremmo potuto correre bene. È grazie a tutta la squadra, alla mia famiglia. Mi sembra che ogni giorno riscrivo un po’ di storia. Sono veramente grato e onorato di farne parte,“ha aggiunto il felice vincitore.

Nella tappa tre corridori hanno corso dall’inizio, ma nonostante il vantaggio di circa sei minuti non rappresentavano un vero pericolo per la maggioranza. Questo ha catturato tutti i fuggitivi a un ritmo sostenuto nei vari ultimi 90 chilometri con circa 20 km dalla fine.

Nell’ultima parte del percorso, i favoriti hanno cercato di vincere insieme, compreso l’ecuadoriano Riccardo Carapaz (Ineos Grenadiers), ma non sono riusciti a ottenere vantaggi significativi.

L’undicesima tappa nel mezzo con l’arrivo a Reggio Emilia è completamente piatta e si prospetta uno sprint di gruppo.

Vittoria storica per l’Eritrea al Giro

Sezione trasversale della 10a tappa da Pescara a Jesi lungo il mare Adriatico.  Foto: RCS Sport
Sezione trasversale della 10a tappa da Pescara a Jesi lungo il mare Adriatico. Foto: RCS Sport

Gioachino Femia

"Appassionato di cultura pop. Esperto di caffè. Secchione di bacon. Comunicatore umile e irritante. Giocatore amichevole."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *