Una posizione trovata anche da Lonely Planet

Il leader mondiale delle guide turistiche, Lonely Planet, ha scoperto da tempo l’importanza del potenziale turistico e gastronomico della Valle del Vipava. La valle è stata inserita tra le dieci migliori destinazioni europee con la motivazione che è un ottimo esempio di tesoro nascosto nel cuore dell’Europa. Questo tesoro nasconde anche un vero gioiello: la croce di Vipava.

Questo è un luogo di cui molti hanno sentito parlare, oltrepassato, ma pochi hanno lasciato la strada principale Ajdovščina in direzione di Nova Gorica, dove c’è una piccola collina abitata che giace sulla sinistra. Devi ammettere che questo è di gran lunga un insediamento medio, non ti convince immediatamente a lasciare il sentiero e fermarti. Tuttavia, questo è un errore. La bellezza della croce di Vipava ti incanterà sicuramente.

Indubbiamente, è uno dei più bei monumenti storici e culturali della Slovenia. Piccolo luogo pittoresco circondato da mura, un tempo era un importantissimo crocevia dei principali assi della valle. Oggi, invece, sta prendendo sempre più piede nell’offerta turistica. Ha contribuito molto alla sua vita sociale Mirjana Buzanin, che, pur essendo nato ad Ajdovka, si innamorò della croce di Vipava. E lei finì per stabilirsi lì. Cinque anni fa ha deciso di aggiungere al luogo ciò che le mancava: uno slancio turistico (e locale). Il villaggio non aveva bar o negozi e le cose stavano per cambiare. Ha aperto un negozio (turistico) e un bar Darovi Vipavske.

Supporto della comunità locale

“L’idea mi è venuta spontanea quando ho visto quello che uno dei miei attuali fornitori stava facendo con le piante anni fa. Vale a dire, produceva vari saponi naturali, idrolati, oli essenziali. Sono stato felice. È un prodotto straordinariamente buono, senza alcun additivo artificiale .Quando le ho chiesto dove vende, la risposta non è stata molto lunga. In alcune fiere o di passaggio. In quel momento ho deciso che sarebbe stato saggio e bene raccogliere i vari prodotti della Valle del Vipava in un unico luogo, in un negozio.La valle, che si estende per 40 chilometri, ha davvero molto da mostrare, lontana dal vino”, dice l’eloquente Mirjana.

Con una buona idea imprenditoriale, Mirjana Bužanin ha risvegliato la vita sociale della città. FOTO: Felt Mitja

L’ambiente locale, con il comune di Ajdovščina e la comunità locale di Vred, era dalla sua parte, lo hanno sostenuto nel progetto. Il business plan che presentò loro li convinse e iniziò la storia di successo. Per prendere le cose seriamente e professionalmente, ha prima frequentato una scuola di economia presso l’incubatore Vrtojba. Sono stati momenti molto intensi, perché durante la scuola ha allestito e attrezzato un negozio di prodotti locali e un bar ispirandosi a un commerciante di vini. Li ha aperti ufficialmente nell’aprile 2017 e il turismo ha cambiato marcia.

La gente del posto e altri visitatori locali, che hanno visto come Darov Vipavska ha dato vita al posto, gli hanno sempre più chiesto: “Mamma, dove sei stato fino ad ora?” Il filo rosso della sua boutique, sala degustazione, cantina e bar è, ovviamente, il Vipava top di settembre, ma negli ultimi anni ha avuto molte più scelte, soprattutto gastronomiche. “Questo posto è davvero bello, di per sé merita una visita. Quando si aggiunge la gastronomia alla degustazione dei vini, che sta diventando sempre più importante nel nostro Paese, è una grande opportunità per tutti, qu ‘da non perdere’, ritiene il interlocutore.

Indubbiamente, questo è uno dei posti più belli della Slovenia.  FOTO: Felt Mitja

Indubbiamente, questo è uno dei posti più belli della Slovenia. FOTO: Felt Mitja

Arredato e sistemato

Vipavski Križ è stato costruito sul modello delle città italiane, con pavimenti e pareti in acciotolato, ed è stato completamente ristrutturato e dotato di utenze, in modo che anche tutti i cavi elettrici poco attraenti che caratterizzano molti vecchi luoghi idilliaci siano stati cancellati. Nel 2015, con i fondi comunali e quelli ottenuti dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, hanno portato a termine un’importante ristrutturazione degli spazi pubblici della città. Gli investimenti e le normative ora stanno dando i loro frutti.

Donazioni da Vipavska FOTO: Mitja Felt

Donazioni da Vipavska FOTO: Mitja Felt

Sono disponibili anche strutture ricettive. Stanko Ožbot, il proprietario degli appartamenti nuovissimi e perfettamente progettati nella casa numero 54, è stato chiaro: “Se fosse stato solo per fare soldi, non l’avrei avviato. Abbiamo completamente rinnovato la vecchia casa, mia figlia, che è un architetto, ha partecipato attivamente. Per noi è diventata una professione in cui si inizia prima di tutto dal desiderio e dal piacere, non per i soldi. La gestiamo come una famiglia, quindi è più facile, ovviamente, in termini di lavoro e costa, ma altrimenti devi dedicarti interamente a questo mestiere se vuoi che i commensali siano soddisfatti e tornino. Quello che merita la Croce del Vipava.

Guardando attraverso la storia, scopriamo la prima menzione scritta del luogo da qualche parte nel 13° secolo, e le invasioni turche hanno contribuito al suo riconoscimento e fama. Per difendere il paese nel XV secolo, il vescovo di Gori fece costruire sul colle un castello con quattro torri, che fu poi murato con il paese e quindi protetto dalle invasioni.

Piccolo luogo pittoresco circondato da mura, un tempo era un importantissimo crocevia dei principali assi della valle.  FOTO: Marijan Mocivnik

Piccolo luogo pittoresco circondato da mura, un tempo era un importantissimo crocevia dei principali assi della valle. FOTO: Marijan Mocivnik

Discutendo del passato e della vita, Mirjana una volta disse che la croce di Vipava ricevette i diritti di Trieste nel XVI secolo, e vent’anni dopo l’imperatore la elevò al rango di città. La fioritura spirituale e culturale si ebbe all’inizio del XVII secolo, quando fu acquistata dai Conti Attemsi. Invitarono i cappuccini e costruirono per loro un monastero, che lasciò un’impronta inestimabile nella ricca storia del luogo. Il famoso predicatore sloveno Janez Svetokriški visse e lavorò nel monastero di quasi quattrocento anni, che è ancora in funzione oggi, e lì è stata conservata una ricca biblioteca del monastero.

“Quindi la Croce del Vipava era abbastanza importante per questa regione, e ora lo è ancora, ma questa volta a causa di visitatori e turisti”, conclude Mirjana con un sorriso.

Gioachino Femia

"Appassionato di cultura pop. Esperto di caffè. Secchione di bacon. Comunicatore umile e irritante. Giocatore amichevole."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *