La cortina del revisionismo sulla frontiera occidentale

Giorgia Meloni continua a ripetere che per lei “il fascismo appartiene al passato” e che i partiti parlamentari italiani di destra non hanno nulla a che vedere con il fascismo. La recente giornata di commemorazione delle vittime di Febe e dell'esodo, che il Paese vicino ricorda per la ventesima volta consecutiva, è stata ben utilizzata per ripercorrere la storia della Seconda Guerra Mondiale e dell'antifascismo di breve durata. Gli eventi commemorativi, offerti con discrezione dal Primo Ministro di estrema destra e dal leader della Fratellanza neofascista italiana, erano un'unica memoria storica contaminata e manipolata.

immagine_alt

Per la prima volta da quando il governo Berlusconi ha dichiarato il 10 febbraio festa nazionale nel 2004, dopo le cerimonie al Quirinale e Palazzo Chigi, un primo ministro è venuto ad un tradizionale evento a Bazovica. La Meloni, accompagnata da cinque ministri, ha condannato “l'imperdonabile omertà che per decenni ha avvolto nell'oblio dell'indifferenza la tragedia di Febe”. Già a gennaio il governo aveva annunciato la creazione a Roma di un nuovo museo finanziato con fondi pubblici che avrebbe onorato la memoria delle vittime di Febe. Sosterrà l'interpretazione dei fatti secondo cui “gli italiani furono assassinati semplicemente perché erano italiani” nelle doline carsiche.

Il Primo Ministro ha affrontato con tono nazionalista un altro aspetto dell’istruzione. Ha inaugurato una mostra itinerante su un treno speciale che metterà in luce il capitolo traumatico del dopoguerra. Fojbe è un termine che affascina e frustra, ha un evidente potere evocativo, e Giorgia Meloni è una politica troppo intelligente per non approfittarne. Prosegue la politica portata avanti come ministro della Gioventù nel governo di Silvio Berlusconi. Minacciò allora i dirigenti scolastici che se non avessero inserito nel loro lavoro la memoria degli esuli e dei territori italiani perduti, Terra italiana.

I Fojbe viaggiano in treno da Trieste, la città simbolo della divisione del blocco del dopoguerra, da dove Mussolini annunciò le leggi razziali nel settembre 1938, alla città meridionale italiana di Taranto. La rievocazione nazionale è stata introdotta quest'anno con un lungometraggio nel primo programma Rai Rosa istriana, La Rosa dell'Istriadedicato al dramma degli optanti istriano-dalmati, che patirono infinite sofferenze per mano degli slavi, famoso; Non ci sono né sloveni né croati nella versione italiana della storia.

Giorgia Meloni ha approfittato della Giornata della memoria per le vittime di Febe e dell'Esodo per ripercorrere la storia della Seconda Guerra Mondiale.  FOTO: Remo Casilli/Reuters

Giorgia Meloni ha approfittato della Giornata della memoria per le vittime di Febe e dell'Esodo per ripercorrere la storia della Seconda Guerra Mondiale. FOTO: Remo Casilli/Reuters

All'Italia piace interpretare il passato con film di propaganda. Nel 2005, il progetto televisivo Cuore negli abissi, Il Cuore del Pozzo, è stato creato per ordine del partito neofascista Alleanza Nazionale. Ciò scatenò una piccola crisi diplomatica nelle relazioni italo-slovene. Controverso Rosso d'Istria, Rosso d'Istria, qualche anno fa drammatizzò la storia della liquidazione di Norma Cossetto, figlia di un fascista locale, divenuta simbolo della crudeltà jugoslava. In questi film le vittime sono sempre italiani innocenti, i loro carnefici sono soldati slavi e partigiani jugoslavi, stereotipati come bestie crudeli. Non sappiamo mai nulla di ciò che fecero gli italiani prima e durante la seconda guerra mondiale.

Ogni anno la Slovenia, e soprattutto la Primorska, attende con impazienza il 10 febbraio. La politica italiana, compresi i suoi massimi rappresentanti, e i media non perdono l’occasione di raccontare una storia distorta sul confine orientale, permeata di propaganda nazionalista, disinformazione e dati falsificati sui decessi. Non menzionano la violenza italiana contro la popolazione slovena dopo l'introduzione del fascismo nel 1922, la “italianizzazione forzata”, le dimensioni brutali del terrore, il “miglioramento etnico” sotto il regime di Mussolini. Già nel settembre 1920 il Duce gridava in un famoso discorso a Pola: “Quando ci troviamo di fronte ad una razza inferiore e barbara come quella slava, non dobbiamo seguire la politica della carota, ma quella del bastone”. Credo che potremmo facilmente sacrificare 500.000 barbari slavi per 50.000 italiani. » L'Italia manipola la storia, ne mantiene il mito brava gente e sugli slavi assetati di sangue e genocidi. Ciò legittima la propria versione distorta del passato. Come se la Seconda Guerra Mondiale non fosse stata una guerra contro il nazismo e il fascismo.

“Perché le potenze alleate, dopo la vittoria nella Seconda Guerra Mondiale, chiesero all’Italia di concludere un trattato di pace?” scrive la storica Nevenka Troha in La gioventù, che questa è una domanda che i massimi rappresentanti dello Stato sloveno dovrebbero porre agli italiani. Sottolinea il duplice significato del 10 febbraio 1947, una delle date più importanti della nostra storia moderna, la firma del Trattato di pace di Parigi tra le potenze alleate vittoriose e le ex potenze dell'Asse, compresa l'Italia sconfitta.

Il Lubiana ufficiale resta sulla difensiva. Ciò non ricorda all'Italia le sue responsabilità storiche: i fucilati nella regione di Lubiana, i morti nel campo di concentramento delle autorità fasciste sull'isola di Rab, dove nessun presidente italiano vuole mettere piede, Rižarna, in via San Pietro a Trieste. Sobota, unico campo di sterminio in territorio italiano dotato di crematorio, presso il campo di Gonars nella regione di Videm, che il regime fascista gestiva appositamente per gli internati di nazionalità slovena e croata. Tace sui danni causati dal fascismo durante l'occupazione italiana della Slovenia; sulle denazionalizzazioni, le rappresaglie, gli incendi di case e villaggi, le esecuzioni sommarie, le fucilazioni di ostaggi, la brutalità delle direttive fasciste contro gli slavi, considerati esseri inferiori e quindi sottomessi.

La politica estera slovena non esiste. Non percepisce i singoli episodi con cui il Paese vicino riabilita il fascismo e che, negli ultimi anni, sono entrati a far parte del mainstream politico e pubblico. Il ministro, il primo ministro, il presidente del paese non hanno né la sicurezza necessaria per dire qualcosa, né la capacità politica per contestare. E gli ambasciatori sloveni e i rappresentanti delle minoranze partecipano ancora alle cerimonie annuali nel palazzo presidenziale a Roma. Una senatrice del Parlamento italiano, appartenente alle fila del Partito Democratico, originaria della Slovenia e originaria di Trieste, era presente qualche giorno fa alla commemorazione di Bazovica e, lo scorso autunno, ha votato a favore dell'emendamento alla legge sui delitti e sull'esodo .

Nessuno da nessuna parte osa ricordarci il contesto e la complessità della storia in cui l’Italia non è una vittima della Seconda Guerra Mondiale, ma un carnefice che ha contribuito al suo scoppio. Nessuno dice che non sia possibile mettere sullo stesso piano due eventi tragici, la violenza partigiana e la violenza di massa del fascismo, perché si ignorano i fattori storici dietro gli omicidi. E non si trattava affatto di “pulizia etnica”, ma di violenza politico-ideologica contro gli italiani che collaborarono con il fascismo. Non si tratta affatto di un riconoscimento delle vittime “da entrambe le parti”, come dice Giorgio Meloni, perché questa equivalenza è profondamente errata; e i due non sono nemmeno comparabili numericamente.

Allo stesso tempo la Slovenia non capisce che la giornata della memoria, di cui fin dall’inizio si sono appropriati gli ambienti nazionalisti, è stata istituita anche in opposizione all’anniversario del 25 aprile. La Festa della Liberazione è una festa nazionale in Italia che commemora la vittoria del movimento di resistenza italiano contro la Germania nazista e la Repubblica Sociale Italiana, uno stato fantoccio nazifascista. Segna la liberazione dal nazifascismo, la caduta del fascismo.

Nonostante tutti i documenti, i saggi, i testi scientifici e accademici, la propaganda politica ha prevalso, avvelenando la memoria storica. Su questo punto la politica italiana è da tempo unita. Il ricordo di Febe e dell'esodo viene commemorato senza critiche da sinistra e destra, che concordano su un “sistema di valori comuni”. E non sono solo i membri del gruppo di estrema destra Casapound a portare la fiaccola dei “martiri dei massacri istriani”, i massimi rappresentanti del paese spiegano anche il concetto storicamente e moralmente inaccettabile di “pulizia etnica” o equiparano l'Olocausto ebraico alla gli avvenimenti al confine tra Italia e Jugoslavia nel 1941 e nel 1948. E lo stesso fanno i presidenti moderati di “centrosinistra”.

L’Italia continua così a tessere il suo immaginario nazionale, sollevando il fascismo dalla sua responsabilità storica. I politici sanno benissimo che gli italiani hanno una scarsa cultura storica, sanno poco della storia nazionale e leggono poco, e ancor meno di storia. L’unico modo per imparare la storia è attraverso i programmi scolastici, e la destra sta realizzando il suo sogno: riscrivere i libri di testo scolastici. Questa è una generazione che non conosce la storia e la violenza fascista, dicono le spiegazioni sui “barbari slavi”. Senza un autentico contenuto accademico, i giovani credono che il fascismo abbia fatto anche cose buone. ●

Agnese Alfonsi

"Fanatico di Internet. Organizzatore malvagio. Fanatico della TV. Esploratore. Appassionato di social media amante degli hipster. Esperto alimentare certificato."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *