Un viadotto crollato, corpi intrappolati nelle auto schiantate, almeno 35 morti

Nel nord Italia, nella città di Genova, un viadotto autostradale è crollato durante forti piogge. Un centinaio di metri della struttura del Ponte Morandi è crollata su auto e palazzi. Sotto il viadotto si trovano, tra le altre cose, edifici residenziali, centri commerciali, magazzini e binari ferroviari.

Molte persone e veicoli sono rimasti intrappolati tra le macerie. Quando il ponte è crollato c'erano circa 30 veicoli a bordo, ha riferito la Protezione Civile. Secondo gli ultimi dati dei vigili del fuoco italiani, almeno 35 persone hanno perso la vita, tra cui un bambino.

Sono a favore del Ministero degli Affari Esteri sloveno STA Ha precisato che secondo le informazioni finora disponibili, ottenute dall'ambasciata slovena a Roma, non vi sono cittadini sloveni tra i feriti. L'ambasciata non ha ricevuto nemmeno telefonate da parenti preoccupati.

Numerosi soccorritori di diversi servizi stanno indagando sul luogo dell'incidente, dove diverse auto e camion sono sepolti sotto le macerie. Secondo i media italiani, tra l'altro, i soccorritori hanno trovato corpi bloccati nelle auto distrutte.

È crollata una sezione del ponte lunga circa 100 metri.  FOTO: Luca Zennaro/AP

È crollata una sezione del ponte lunga circa 100 metri. FOTO: Luca Zennaro/AP

Per ora si presume che l'incidente sia avvenuto a causa del maltempo che ha coperto la costa ligure. Dalla mattina la Protezione civile ligure ha dichiarato il livello di minaccia arancione a causa delle condizioni meteo. Testimoni oculari del crollo hanno riferito di aver visto un fulmine colpire il viadotto poco prima dell'incidente.

Secondo la società che gestisce le autostrade italiane (Autostrade per l'Italia), si trattava semplicemente di lavori di manutenzione sul viadotto.  FOTO: AFP

Secondo la società che gestisce le autostrade italiane (Autostrade per l'Italia), si trattava semplicemente di lavori di manutenzione sul viadotto. FOTO: AFP

Secondo la società che gestisce le autostrade italiane (Autostrade per l'Italia), si trattava semplicemente di eseguire lavori di manutenzione sul viadotto, con i quali si voleva rinforzare gli ancoraggi del viadotto. Finora sono riusciti a installare le impalcature per eseguire i lavori di manutenzione. L'azienda ha assicurato che avrebbe supervisionato i lavori in ogni momento.

Il tragico incidente è avvenuto una settimana dopo il crollo di un tratto autostradale di Bologna, lunedì scorso, a seguito di una serie di esplosioni conseguenti allo scontro tra un'autocisterna e altri veicoli. Morì solo l'autista della cisterna e circa 140 persone rimasero ferite.

Il viadotto fu inaugurato il 4 settembre 1967. È lungo 1.182 metri, alto 45 metri e poggia su tre pilastri di cemento alti 90 metri. La campata più lunga tra due colonne è di 210 metri. Fin dalla sua apertura quarant'anni fa, il viadotto è stato oggetto di dibattito, anche perché attraversava una zona densamente popolata di Genova.

Secondo le autorità italiane almeno dieci veicoli sarebbero rimasti bloccati tra le macerie.  FOTO: Luca Zennaro/AP

Secondo le autorità italiane almeno dieci veicoli sarebbero rimasti bloccati tra le macerie. FOTO: Luca Zennaro/AP

La maggior parte delle macerie è caduta sulla linea ferroviaria, che si trova a più di cento metri sotto il ponte.  FOTO: Luca Zennaro/AP

La maggior parte delle macerie è caduta sulla linea ferroviaria, che si trova a più di cento metri sotto il ponte. FOTO: Luca Zennaro/AP

Secondo l'agenzia di stampa italiana Ansa, sono crollati più di 80 metri del ponte.  FOTO: Luca Zennaro/AP

Secondo l'agenzia di stampa italiana Ansa, sono crollati più di 80 metri del ponte. FOTO: Luca Zennaro/AP

Sofia Folliero

"Tipico zombieaholic. Generale fanatico di Twitter. Fanatico del cibo. Giocatore. Analista impenitente."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *